Primo piano

Monitoraggio del moto ondoso, posizionata al largo di Mazara del Vallo una boa idrometrica. Progetto Ispra-Regione Siciliana-Università di Palermo

E’ stata varata la boa ondametrica di Mazara del Vallo appartenente alla RON – Rete Ondametrica Nazionale – curata dell’ Ispra – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. E’ uno dei primi risultati del progetto i-waveNET, che ha per capofila l’Università degli Studi di Palermo, finanziato dalla Presidenza Regionale Siciliana per mezzo del programma di Cooperazione Interreg V-A Italia-Malta.

Il progetto i-waveNET, il cui responsabile scientifico è il professore Giuseppe Ciraolo del Dipartimento di Ingegneria UniPa, coinvolge un partenariato d’eccellenza formato da Ispra, Cnr, Ingv, UniCT, Universita’ di Malta, Transport Malta e Ogs(Trieste).

Obiettivo principale del progetto è lo sviluppo di un’azione di sistema finalizzata alla mitigazione degli effetti del cambiamento climatico (allagamenti da mareggiate, erosione costiera) nelle aree marino-costiere comprese tra la Sicilia e Malta. “Per mezzo di i-waveNET le coste siciliane si doteranno di un sistema integrato di monitoraggio del moto ondoso e delle correnti marine – spiega Giuseppe Ciraolo.

In particolare, nell’ambito di i-waveNET, sarà implementata una rete di monitoraggio innovativa basata sull’integrazione di diverse tecnologie di misura, come antenne radar HFsensori micro-sismicisensori di livello del marestazioni meteo costiere e boe ondametriche.

Il ripristino della boa ondametrica di Mazara del Vallo, su un fondale di 86 metri e a 8 miglia dalla costa, costituisce un elemento importantissimo per il monitoraggio dello stato del mare. Occorre sottolineare che la rete RON, in esercizio sin dal 1987, è stata dismessa a dicembre del 2014 a causa di problemi di manutenzione delle boe collocate a mare, e il partner ISPRA è ora impegnato nella sua ricostituzione”.

“Prodotto finale e operativo del progetto – aggiunge – sarà un sistema di supporto alle decisioni (DSS) che consentirà, attraverso l’incrocio di informazioni di varia natura e di modelli, di fornire informazioni necessari alla gestione delle emergenze connesse al cambiamento climatico e legate ai rischi provenienti dal mare. Il progetto i-waveNET valorizza le esperienze di UniPa e degli altri partner di progetto nel monitoraggio del mare sotto diversi aspetti.

In particolare, è messa a disposizione del progetto una esperienza decennale nell’ambito del monitoraggio delle correnti marine superficiali tramite stazioni radar HF. i-waveNET costituisce la naturale evoluzione della serie di progetti ‘Calypso’, finanziati nell’ambito della cooperazione transfrontaliera Italia-Malta, che, nel corso di un decennio di attività, hanno costituito reti di monitoraggio e sistemi che sono la base portante di i-waveNET”.

Related posts

Reddito di cittadinanza indebitamente percepito, le Fiamme Gialle sequestrano 817mila euro a Messina

Redazione Ore 12

+++ Covid, Governo: “Bandiere Italia e Ue a mezz’ asta per ricordare vittime patologia” +++

Redazione Ore 12

La Cei avverte: “Preoccupazione per la tenuta sociale del Paese”

Redazione Ore 12