Economia e Lavoro

Net Zero Grid Day, Starace (Enel): “Se non cambieranno le reti non ci sarà transizione energetica”

“Le reti sono le principali attuatrici della transizione energetica, che semplicemente non avverrà se le reti non cambieranno in un modo profondo: devono garantire il massimo della qualità dei servizi alla fornitura elettrica, gestire in modo adeguato la crescente produzione da rinnovabili e devono anche avere un ruolo attivo nella decarbonizzazione”. Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale Enel, lo dice in un video nel corso del Net Zero Grid Day, occasione in cui la società ha presentato la propria strategia Net Zero per la propria attività nel settore delle reti, incentrata sull’azzeramento delle emissioni intrinseche dell’infrastruttura stessa.
“Le aziende devono essere pronte a guidare la transizione energetica e stiamo assistendo a una incredibile trasformazione dei sistemi energetici mondiali”, ricorda Starace, con “l’elettrificazione degli utenti finali e un trend vasto che disegna i prossimi decenni”, mentre “è gia un decennio che la produzione elettrica si decarbonizza” con “i sistemi energetici che diventano vasti ecosistemi digitali”. In tutto cio “il Net zero diventa quindi il cuore della strategia Enel”, spiega l’ad e dg della società”, e “noi saremo a zero emisisoni nette nel 2040 anticipando rispetto al precedente target 2050, tenendo conto delle emissioni sia dirette che indirette”, e “siamo impegnati a raggiungere lo zero senza misure di compensazione delle emissioni”, con tagli ‘veri’, dunque. Oggi, quindi, “presentiamo gli ultimi sviluppi della roadmap industriale Enel per arrivare alla rete del futuro”, dice Francesco Starace, ad e dg Enel, con “le reti che devono diventare del tutto digitali”.
In questo sforzo “siamo pronti a condividere le nostre esperienze con tutti gli attori interessati, perché condividere sarà la chiave per individuare insieme la migliore soluzione”. Quindi, con le aziende del settore impegnate nella transizone energetica “dovremo allearci per procedere in maniera più veloce lungo il percorso”, dice Starace. Oggi, “vogliamo condividere la nostra esperienza e le nostre soluzioni, con il nostro approccio di open innovation, condividere e a nostra volta trovare risposte a problemi per i quali ancora non abbiamo una risposta completa”, conclude Starace.

Related posts

Cia Agricoltori: “Pienone per il pranzo di Pasquetta negli agriturismi, ma camere occupate all’80%”

Redazione Ore 12

Famiglie, il 2020 è da dimenticare

Redazione Ore 12

Consumi, tornano le incertezze. Per Confesercenti fondamentali leva impositiva e riforma fiscale

Redazione Ore 12