Esteri

Per Patrick Zaki udienza lampo e poi di nuovo il carcere

Udienza lampo, poco più di 5 minuti, per Patrick Zaki. Lo studente dell’università di Bologna ha avuto solo il tempo di contestare di essere stato detenuto oltre il periodo legalmente ammesso per i reati minori di cui ora è accusato, poi il rinvio dell’udienza al 28 settembre: fino a quella data Zaki resterà in carcere. Cadute le accuse più gravi, ovvero quelle legate ad accuse di spionaggio e trame contro il regime, a Zaki è contestato uno scritto del 2019 in difesa della minoranza cristiana copta, di cui fa parte. Lo studente è stato incriminato sulla base degli articoli 80 e 102 del codice penale per un articolo in cui raccontava la sua vita da cristiano copto in Egitto. Sulla base delle accuse che gli sono state mosse, rischia fino a 5 anni di carcere: calcolando la custodia cautelare iniziata nel febbraio 2020, resterebbe in prigione altri 3 anni e 5 mesi, ma tutto potrebbe anche risolversi con una semplice ammenda. Durante l’udienza, che è durata cinque minuti, Zaki era in manette nella gabbia degli imputati. Ha salutato a mani giunte una dozzina di parenti, attivisti e i due diplomatici italiani presenti in aula. “È un’immagine terrificante, perché le manette ai polsi di un uomo innocente e provato da 19 mesi di detenzione preventiva fanno impressione. La speranza è che gli vengano tolte al più, presto, definitivamente, e che questo incubo abbia fine”, ha detto Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.

Related posts

Tornano in rete la presenza con alcune immagini della campionessa di tennis cinese Peng Shuai

Redazione Ore 12

G20, Di Maio: “Impegno per multilateralismo efficiente ed efficace”

Redazione Ore 12

I Talebani all’Italia: “Riaprite l’ambasciata a Kabul e riconoscete il nostro Governo islamico”

Redazione Ore 12