Primo piano

Questione di feeling…

Dica il C.T.U. il valore del… Si, tutto bene, ma quale valore vuole sapere il magistrato? Questo è il problema.

(Red) Dica il C.T.U. il valore del… Si, tutto bene, ma quale valore vuole sapere il magistrato? Questo è il problema!
Noi abbiamo codificato almeno dieci tipi di valore: 1) valore commerciale (o di vetrina), 2) valore di scambio tra professionisti, 3) valore di scambio tra grossisti, 4) valore assicurativo, 5) valore di scambio tra privati, 6) valore di divisione ereditaria, 7) valore di vendita a negoziante o di realizzo, 8) valore doganale, 9) valore di pignoramento, 10) valore di successione.
Quale valore vuole sapere? Quali valori vogliono io utilizzi nella consulenza tecnica? La differenza non è da poco, la differenza può andare da uno a quattro, nel civile possono esservi centinaia di migliaia di euro di differenza e nel penale può significare detenzione o libertà.
Eppure con molti magistrati non vi è modo di intendersi, non vi è il minimo colloquio. Nei nostri seminari informiamo gli intervenuti che il loro primo compito è avvisare il magistrato che i quesiti sono errati o che andrebbero parzialmente riesaminati o che andrebbe solo effettuata una precisazione ma, tutto questo, è possibile solo se il magistrato lo permette.
Se dopo il quesito generico chiedo al magistrato: “Quale valore desidera che io esprima?” ed il magistrato alzandosi per uscire dall’aula guardandomi come a chiedersi se io sia in possesso delle mie piene facoltà mentali, mi risponde: “Il valore…, desidero sapere solo il valore!”, l’unica soluzione sarebbe rinunciare all’incarico.
Questi comportamenti sono ciò che umilia la categoria dei consulenti tecnici che, se è vero comprende al proprio interno una gran moltitudine di periti non preparati, una gran moltitudine di tecnici senza etica e morale il cui unico interesse è la parcella ma, ha anche al proprio interno un discreto numero di professionisti per i quali l’entusiasmo, il desiderio di essere utili per la nostra società, la passione per la propria professione li porterebbe a lavorare anche gratis.
Questi ultimi non si meritano questi comportamenti, non si meritano alcuni Pubblici Ministeri che quando sono trasferiti dalle loro sedi non firmano tutte le liquidazioni delle perizie chieste ed ottenute, né comportamenti come i loro sostituti che alla Ponzio Pilato, quando sono investiti del problema, a quel punto di loro competenza, rispondono “non so nulla, non firmo nulla!”.
Uno schiaffo alla categoria, alla professionalità, alla competenza ed ai cittadini.
È urgente una migliore collaborazione. È urgente iniziare ad incontrarsi, a scambiarsi esperienze e problemi per definire meglio il proprio lavoro e scambiarsi informazioni che, ad esempio, potranno portare i magistrati a porre in maniera più precisa le domande e permettere a noi di dare la risposta cercata e non quella che noi dobbiamo immaginare.
Sono passati ormai molti anni quando un magistrato atipico come il Dott. Rossetti ci invitò ad incontri costanti che rimangono tra i miei ricordi più cari per quanto attiene la professione di perito giudiziario. Si certamente uno dei ricordi più importanti perché il Dott. Rossetti è una di quelle specie di magistrati ormai estinti, come i panda. Si estinti perché oltre la bravura e competenza condivideva con noi la passione per la professione.
Mi auguro in futuro di conoscere Magistrati, Avvocati e colleghi Periti che recuperino la passione per le rispettive professioni.

Alessio Russo

Related posts

La Guardia di Finanza e le illegalità nelle Gare della Sanità pubblica pugliese il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari, con il supporto di militari del Comando Provinciale di Foggia, sta dando esecuzione a un’ordinanza – emessa dal competente G.I.P. del Tribunale di Foggia su richiesta della locale Procura della Repubblica – applicativa della misura cautelare personale (arresti domiciliari) nei confronti di 6 soggetti. Il provvedimento cautelare si fonda su un compendio gravemente indiziario a carico dei predetti soggetti indagati, a vario titolo e in concorso tra loro, per i reati di turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, commessi a Foggia nel periodo 2019 – 2020. Le indagini sono state eseguite dal Gruppo Tutela Mercato Beni e Servizi del Nucleo P.E.F. Bari – con il coordinamento della Procura della Repubblica di Foggia – mediante intercettazioni ambientali, telefoniche e telematiche, escussione di persone informate sui fatti, servizi dinamici di osservazione e pedinamento, perquisizioni e analisi della copiosa documentazione, cartacea e informatica, sequestrata. Le complesse attività investigative hanno consentito di disvelare la presunta “manipolazione” delle seguenti due gare di appalto bandite da Enti pubblici foggiani operanti nel campo della sanità: – affidamento del servizio di elisoccorso ordinario per un impegno di spesa pari a € 36.600.000 per il primo quinquennio e € 29.800.000 per l’eventuale proroga contrattuale opzionale; – affidamento del servizio di trasporto aereo di organi e di equipe medica per attività di prelievo e trapianto organi, per un impegno di spesa pari a € 2.642.494 per il primo quadriennio, estendibile – in caso di proroga – fino a € 4.622.494.In base all’ipotesi accusatoria, i vertici e i rappresentanti ufficiali degli Enti pubblici committenti avrebbero creato con i referenti di una s.r.l. foggiana attiva nel settore del trasporto aereo (per lo più, con l’intermediazione di un medico in pensione particolarmente inserito nel tessuto politico-sociale della città dauna) una “corsia parallela riservata” volta a rendere quest’ultima la società “predestinata” ad aggiudicarsi le gare, all’insaputa dei suoi futuri o attuali concorrenti. Corsia, questa, costellata di discovery indebite, di raccolta e recepimento di bozze di capitolati o di controdeduzioni agli argomenti degli ignari competitors, nonché di suggerimenti alle stazioni appaltanti volti, in un primo momento, a pilotare la composizione delle commissioni di gara e, successivamente, a condizionare l’operato dei commissari. Con ciò suggellando un’alleanza “contro natura”, la quale – pur non sfociando in una decisione favorevole ai “predestinati” – avrebbe, comunque, minato alle fondamenta e alterato l’intero corso delle gare “attenzionate”. Nello specifico, i referenti della s.r.l. foggiana in relazione alla gara per l’affidamento del servizio di elisoccorso ordinario sarebbero stati i “ghost writers” del capitolato speciale e del disciplinare di gara, avendone materialmente curato la predisposizione nei locali aziendali, peraltro, anche con la presenza del R.U.P. della procedura di gara, fino a quel momento ignaro dei contenuti dei predetti atti. Inoltre, gli stessi referenti della società dauna – nell’ambito della gara per l’affidamento del servizio di trasporto aereo di organi e di equipe medica – si sarebbero adoperati, dapprima, per far predisporre dalla stazione appaltante un capitolato favorevole alla loro impresa, intervenendo anche nella definizione della tabella dei punteggi qualitativi; poi, si sarebbero attivati per garantire a quest’ultima l’accesso al “carteggio separato” tra l’Ente sanitario foggiano e la società concorrente risultata provvisoriamente aggiudicataria (ma con offerta economica ritenuta anomala e, pertanto, in fase di verifica) onde procedere alla stesura di osservazioni e controdeduzioni suscettibili di essere recepite dal medesimo Ente pubblico. La “manipolazione” dei citati appalti è stata ricostruita dalle Fiamme Gialle baresi, in particolare, mediante l’incrocio delle evidenze investigative rivenienti dalle attività di intercettazione tecnica con i contenuti dei files – già oggetto di condivisione tra i referenti della s.r.l. dauna e degli Enti pubblici committenti – estrapolati dai vari supporti informatici sequestrati agli indagati nel corso delle perquisizioni locali e domiciliari effettuate, su disposizione della Procura della Repubblica foggiana, nel febbraio 2020. La presente attività costituisce una chiara testimonianza del costante impegno profuso dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari – in sinergia anche con la Procura della Repubblica di Foggia – nel contrasto alle turbative degli appalti pubblici, a tutela della legalità e del buon andamento della Pubblica Amministrazione, nonché degli imprenditori onesti.

Redazione Ore 12

Debutto in rete di InPa- Il Portale del Reclutamento della Pubblica Amministrazione. Possibile inserire con lo Spid i curriculum

Redazione Ore 12

Ambiente, arrivata a Bruxelles la strategia italiana di medio periodo

Redazione Ore 12