Politica

  Quirinale, si tratta

Si susseguono i vertici. Quello di centrosinistra e M5S ha rinviato ogni scelta sul nome all’incontro nelle prossime ore con il centrodestra

Si susseguono i vertici dei partiti e tra partiti per trovare una soluzione all’intricata matassa legata all’elezione del nuovo Capo dello Stato. Dopo le voci sulla possibilità di un ritiro di Silvio Berlusconi il centrodestra dovrebbe tornare al tavolo per concordare un nome condiviso. Salvini ne avrebbe uno in mente e, probabilmente, lo renderà noto solo dopo l’ufficialità del fine corsa di Berlusconi. Intanto si è riunito il centrosinistra. Tavolo a tre con Letta, Speranza e Conte. Alla fine del vertice nessun nome ma solo indicazioni sul profilo del prossimo inquilino del Quorinale. Il leader del Pd Enrico Letta ha definito “ottimo” l’incontro. “Lavoreremo insieme per dare al Paese una o un presidente autorevole in cui tutti possano riconoscersi – scrive su Twitter -. Aperti al confronto, nessuno può vantare un diritto di prelazione. Tutti abbiamo il dovere della responsabilità”. Sui nomi, dice, “non c’è alcuna intesa perché ne parleremo con il Centrodestra nei prossimi giorni”. Il leader dem, all’uscita dalla casa di Conte, ha aggiunto: “Non c’è nessuna intesa sul nome perché ne parleremo col centrodestra”. Poi il padrone di casa, Conte: “L’incontro è andato bene, siamo pronti ad un’azione forte e ad un confronto ampio e condiviso“, ha spiegato Conte. Che ha aggiunto: “Andranno ovviamente rimosse le candidature di parte come quella di Berlusconi”.

aggiornamento elezione Capo dello Stato del 19 gennaio ore 16.50

Related posts

Ddl Zan, ora si tratta per modificare il testo e provare ad approvarlo

Redazione Ore 12

Greepeace a colloquio con il ministro della Transizione Ecologica, Cingolani

Redazione Ore 12

Consultazioni, De Petris (LeU): “C’è incompatibilità con forze sovraniste di destra”

Redazione Ore 12