Roma Capitale

Triplice delitto di Roma, l’inchiesta va avanti tra i misteri. Identificata una delle due donne cinesi

 

Continuano le indagini sulla strage di Roma: tre delitti consumati in poche ore, nel quartiere Prati. Molti i punti che Giandavide De Pauil 51enne attualmente in carcere in stato di fermo con l’accusa di omicidio plurimo aggravatodeve ancora chiarire agli inquirenti. L’ultimo riguarda la sua auto,trovata in un deposito della Capitale. La Toyota IQ è stata portata lì dopo che l’uomo è rimasto coinvolto, nelle ore successive ai delitti, in un incidente stradale. Ora si tratta di capire come e chi sia intervenuto per far arrivare la vettura in quel luogo. Alla polizia locale non risulta infatti la sua rimozione. Si ipotizza, quindi, che qualcuno possa quindi aver aiutato De Pau a nascondere l’auto.

Gli uomini della Scientifica hanno da subito avviato una serie di rilievi sul mezzo con un duplice obiettivo: tentare di individuare l’arma utilizzata dal romano per uccidere le tre prostitute e individuare tracce ematiche da analizzare al fine di rendere ancora più grave l’impianto probatorio a carico dell’indagato in vista dell’interrogatorio di convalida davanti al gip previsto entro mercoledì 23 novembre nel carcere di Regina Coeli, dove il pregiudicato è stato trasferito al termine dell’interrogatorio fiume di sabato in Questura.

Al momento ci sono poche certezze. Tra queste il fatto che De Pau è arrivato in via Riboty, la mattina di giovedì 17 novembre, a bordo della sua auto dopo avere trascorso la notte precedente con una donna cubana con cui ha consumato droga. Nell’appartamento i primi due delitti, vittime due donne cinesi, massacrate durante un rapporto sessuale. Una delle due, la più giovane, inseguita sul pianerottolo e colpita con stilettate al fianco e alla schiena. Grazie alle testimonianze raccolte da Il Messaggero, si sa che una delle due prostitute si faceva chiamare Lia, evidentemente l’italianizzazione del suo vero nome, e lavorava in quell’appartamento da circa dieci anni, gestendo anche altre ragazze che ruotavano di continuo. Un cliente abituale ha raccontato che la donna aveva un figlio e che a gennaio sarebbe dovuta tornare in Cina per incontrarlo. De Pau, dopo avere dimenticato il cellulare nell’appartamento, è salito a bordo dell’auto e ha raggiunto via Durazzo, distante appena 850 metri. Lì viene immortalato in alcuni video mentre entra nel seminterrato di Martha Castano, prostituta colombiana di 65 anni. La donna viene colpita, dinamica identica a quanto avvenuto pochi minuti prima, probabilmente perché, riporta Il Corriere della Sera, si rifiuta di aiutare l’uomo.

Related posts

SANITA’. MAGI (OMCEO ROMA): FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO, TESTARE SUBITO NOVITÀ

Redazione Ore 12

Nuovo padiglione per la scuola dell’infanzia e primaria di Roma Capitale, Contardo Ferrini

Redazione Ore 12

MARCONI – TENTA DI ACQUISTARE FARMARCI “OPPIOIDI” CON PRESCRIZIONI FALSE. CARABINIERI ARRESTANO 30ENNE.

Redazione Ore 12