Imprese e Sindacato

Turismo, mancano gli stagionali e servono decontribuzioni per poterli assumere. La posizione del ministro Garavaglia ed il nodo del Greenpass

(Red) In Italia sono previsti “nove milioni di turisti per il ponte del 2 giugno”, e al momento “si registra un +10% di italiani che hanno già prenotato le vacanze rispetto allo stesso momento dell’anno scorso”. Sono le parole del ministro del Turismo Massimo Garavaglia, a Venezia per incontrare il presidente Luca Zaia e gli operatori veneti del settore, spiegando che “ora abbiamo bisogno di recuperare sul turismo straniero”. Informazioni chiare sul green pass, decontribuzione anche per i lavoratori stagionali, idee per recuperare il turismo dall’estero. Questi i punti emersi a palazzo Balbi, Venezia, dall’incontro. “Il Veneto è il turismo, c’è tutto. E in questo momento particolare di ripartenza dobbiamo essere veloci”, afferma Garavaglia. “Un tema è che si fa fatica a trovare i lavoratori, bisogna intervenire. Qualcosa è stato fatto con la decontribuzione, che ora si chiede di estendere anche agli stagionali. È una proposta che arriva dal tavolo e che inseriremo come emendamento nel decreto Sostegni”, continua il ministro.
Per quanto riguarda il green pass, “quello europeo è alle porte, lo dobbiamo comunicare in giro per il mondo”. Il green pass, ricorda Garavaglia, “lo ha definito il Consiglio europeo e siamo tutti d’accordo, per cui le regole sono note: sei vaccinato sì o no, hai avuto il Covid e gli anticorpi sì o no, oppure un tampone negativo. Con una di queste condizioni si può circolare tranquillamente. Un pass telematico sarebbe l’ideale, ma nel frattempo un bel pezzo di carta può bastare”, ribadisce il ministro.

Related posts

Confindustria al Governo: “Recovery non conforme a linee Ue”

Web Master

Pensioni, Sbarra (Cisl): “Uscita a 62 anni o con 41 anni di contribuzione”

Redazione Ore 12

Coldiretti: “Da sette anni l’Italia registra un record dei prezzi per il cibo”

Redazione Ore 12