Primo piano

Denuncia di Medici senza Frontiere: “A Rafah condizioni di vita disperate”

”A Rafah manca l’acqua”. Lo scrivono Medici Senza Frontiere (Msf) in un aggiornamento sulla situazione umanitaria a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, mettendo in luce in particolare le difficoltà legate all’approvvigionamento d’acqua pulita. ”La popolazione a Rafah fatica a trovare acqua pulita per bere, cucinare o lavarsi. Le condizioni di vita delle persone a sud della Striscia sono disperate a causa del sovrappopolamento e della mancanza di acqua pulita, servizi igienici, docce e fognature. Il tutto è aggravato dalle temperature invernali”, sottolinea lo staff di Msf. Inoltre dall’inizio della guerra a Gaza sono poche le infrastrutture che sono state risparmiate dai bombardamenti, comprese le tubature dell’acqua. Secondo l’Unicef almeno la metà delle strutture idriche e igienico-sanitarie a Gaza sono state distrutte o danneggiate, mentre l’Unrwa riporta che circa il 70% della popolazione di Gaza beve acqua con alti livelli di salinizzazione o contaminata.

Related posts

Alitalia, disco verde Ue ad aiuti per 24,7 milioni

Redazione Ore 12

Incendi: CC Forestali individuano ad Avezzano responsabile di un rogo boschivo e finisce ai domiciliari

Redazione Ore 12

Netanyahu pronto ad attaccare Hezbollah per salvare la sua carriera

Redazione Ore 12