Politica

Il Governo cancella decine di norme in vigore pre-repubblicane (1871-1890)

 

Abrogazione di norme prerepubblicane relative al periodo 1871-1890 e ulteriori abrogazioni di norme relative al periodo 1861-1870 (disegno di legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giorgia Meloni e del Ministro per le riforme istituzionali e la semplificazione normativa Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha approvato, in esame definitivo, il disegno di legge relativo all’abrogazione di norme prerepubblicane relative al periodo 1871-1890 e ulteriori abrogazioni di norme relative al periodo 1861-1870.

Il testo prevede il taglio di 6.479 regi decreti e porta il numero totale delle norme in abrogazione a oltre 9mila.
Tra gli altri, il disegno di legge porterà all’abrogazione dei seguenti provvedimenti:

  • regio decreto del 1871 che autorizza la Camera di commercio ed arti di Bari ad imporre una tassa sui noleggi delle merci importate ed esportate per via di terra e di mare;
  • regio decreto del 1872 che approva la Società Italiana per la navigazione a vapore dei laghi, sedente in Milano;
  • regio decreto del 1872 che approva la Società generale italiana per le latrine asportabili e per la fabbricazione dei concimi in Firenze;
  • regio decreto del 1872 che autorizza la Società di assicurazioni denominatasi Lloyd Suisse ad operare nel Regno d’Italia;
  • regio decreto del 1872 che abilita la Società Inglese denominata The Cesena sulphur Company limited ad operare nel Regno d’Italia;
  • regio decreto del 1872 che approva la Società anonima del Caffè sociale sedente in Vigevano;
  • regio decreto del 1872 che approva in via di esperimento la Tariffa delle mercedi pel facchinaggio agli scali del porto di Genova;
  • regio decreto del 1872 che approva la Società di panificio sociale Vigevanese;
  • regio decreto del 1873 che approva la Società Veneta di navigazione a vapore lagunare;
  • regio decreto del 1874 che autorizza la Società anonima di pubblica lavanderia sedente in Milano ad emettere n. 300 Obbligazioni al valore nominale di lire 300 ciascuna;
  • regio decreto del 1874 che modifica lo statuto della Società Lariana di navigazione a vapore sul lago di Como;
  • regio decreto del 1874 che aumenta il numero dei fuochisti del Regio lancia-siluri Pietro Micca;
  • regio decreto del 1877 che autorizza la Società anonima dei ferri taglienti in Scarperia, e ne approva lo statuto;
  • regio decreto del 1877 che annulla la deliberazione del comune di Lucca, relativa all’imposizione di una tassa sugli atti di matrimonio celebrati in tempo di notte;
  • regio decreto del 1885 che stabilisce le norme per la composizione della sezione italiana del giurì internazionale all’esposizione universale d’Anversa;
  • regio decreto del 1886 che istituisce presso il R. Ispettorato generale delle tariffe delle strade ferrate al ministro dei Lavori Pubblici un Consiglio delle tariffe delle strade ferrate;
  • regio decreto del 1886 che dà piena ed intera esecuzione alla Dichiarazione firmata in Cairo il 21 dicembre 1885, concernente la soppressione della tratta degli schiavi;
  • regio decreto del 1889 che approva l’annesso accordo fra l’Italia e il Brasile sull’ingerenza dei consoli nell’apertura delle successioni dei rispettivi sudditi;
  • regio decreto del 1889 che riconosce come corpo morale la società di mutuo soccorso fra i camerieri, caffettieri, cuochi ed interpreti residenti in Venezia e ne approva lo statuto;
  • regio decreto del 1890 che approva l’unito regolamento per l’esercizio e la sorveglianza delle caldaie a vapore;
  • regio decreto del 1890 che regola la tassa sui noleggi delle merci importate ed esportate per via di terra e di mare nella città di Bari e sua provincia.

Related posts

Non ci facciamo mancare nulla, c’è anche il Referendum contro il Green Pass

Redazione Ore 12

Salvini: “Avere un ministro degli Esteri senza partito durante una guerra non è il massimo”

Redazione Ore 12

Caso Gregoretti, il Pm: “Matteo Salvini non va processato”

Redazione Ore 12