Cultura, Arte e Libri

Luciano Di Bacco, fotografo gentile e malinconico di tutte le vanità di Roma

Nel mondo del giornalismo italiano non ci sono molte persone gentili e invece Luciano Di Bacco era gentile. Sorridente, timido, mai volgare. Era in tutti gli eventi mondani di Roma, per Dagospia e fotografava tutti, noti e meno noti, quasi senza farsene accorgere, come se stesse scherzando.

Una specie di contraddizione, lui così riservato che ha passato la vita nel mondo più sfacciato, più arrogante, più prepotente che esista, quello delle feste, degli aperitivi, delle anteprime, delle presentazioni dei libri a Roma. Eppure, passava attraverso donne e uomini di potere, starlette, opinionisti e polemisti, generali e alti prelati, tutti ad alto tasso di protagonismo ed egotismo, come un testimone educato, chiedendo permesso per ciò che doveva fare, proprio quello che le persone volevano più di ogni altra cosa: essere immortalati.

Luciano è stato il fotografo delle notti del Muccassassina, locale in zona Tiburtina, riferimento della comunità lesbica, gay, bisex, trans, queer e eterofriendly italiana, dove ogni trasgressione era benvenuta. E’ stato il fedele compagno di Salvatore Taverna per comporre ogni notte “Il Diario” del Messaggero, le prime pagine gossip di un quotidiano. Poi, Dagospia, il racconto quotidiano, “Cafonal”, della vanità, prendendo il posto di un altro maestro discreto, Umberto Pizzi. L’esempio, entrambi, che con delle buone foto, si può raccontare molto più che con tante parole. L’esempio che i fotografi spesso sono sottovalutati, nell’ambiente. Guardati con stupido sussiego e andrebbero, al contrario, ammirati.

Luciano Di Bacco se n’è andato com’era vissuto, senza fare tanto rumore. Portandosi dietro la sua malinconia. La notte del 10 maggio, a 68 anni, per una emorragia cerebrale, era da due mesi ricoverato in ospedale, era stato operato al cuore.

Roberto D’Agostino lo ha salutato con un post su Dagospia: “Un abbraccio fortissimo di tutta la redazione alla famiglia. Luciano adorato, che la terra ti sia lieve come la vita breve che hai vissuto”. Riccardo Panzetta, Vicedirettore di Dagospia, su Facebook: “Lucianello mio, che tragedia perderti così. Un cuore grande, un fotografo di livello, un uomo buono. Ci mancherai tantissimo. Dagospia perde una colonna. Io, un amico. Riposa in pace, ovunque tu sia”.

Tratto da Professione Reporter

Related posts

Ecco le giurie dei corti e dei documentari della XIV edizione di Ortigia Film Festival

Redazione Ore 12

BOOKCIAK, LA CARICA DEI VENTENNI 

Redazione Ore 12

Storie di donne a Roma. Ersilia Caetani Lovatelli, la prima donna all’Accademia dei Lincei.

Redazione Ore 12