Politica

Mattarella tra Patto di stabilità, guerre e sopravvivenza del pianeta

 

Si è aperta alla Farnesina la sedicesima Conferenza delle Ambasciatrici e degli Ambasciatori d’Italia nel mondo. L’appuntamento, in programma fino a domani, costituirà un momento di confronto sull’azione internazionale del nostro Paese, con la partecipazione di oltre 130 titolari delle sedi diplomatiche italiane all’estero e di numerosi ministri di governo e personalità straniere, tra cui il commissario Ue per il clima Wopke Hoekstra, il segretario di Stato britannico per gli Affari Esteri, il Commonwealth e lo Sviluppo, David Cameron, e il segretario di Stato Usa, Antony Blinken (in videoconferenza).

L’intervento del presidente Mattarella

“Le sfide di fronte alle quali l’umanità si trova, pongono a rischio la sopravvivenza del pianeta, a partire dalle conseguenze della condizione climatica, sino a modalità belliche – che ci riportano a epoche che non hanno il diritto di riproporsi – in cui i popoli divengono ostaggi delle politiche aggressive dei rispettivi governi. Derubricare a mera dimensione regionale l’attacco della Federazione Russa all’Ucraina sarebbe un errore capitale. I suoi effetti destabilizzanti si avvertono in tutti gli angoli del globo e vulnerano gli strumenti internazionali di cooperazione e dialogo”. Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “La pretesa del riemergere, nel terzo millennio, della logica “imperiale” è inaccettabile. A suffragarla non soccorre neppure più l’alibi ideologico, di confronto/competizione tra sistemi basati su progetti di vita contrapposti. Rimane soltanto la logica della prepotenza. Ecco la ragione elementare per puntare sul multilateralismo per quei Paesi – come l’Italia – che rifiutano intenti imperialisti e non hanno l’ambizione di essere “satelliti” di nessuno bensì di cooperare, da pari, con tutti gli Stati e i popoli di buona volontà, anche per governare la globalizzazione, facendone crescere la coincidenza con il perimetro della libertà e del benessere. “La crisi mediorientale – ha spiegato Mattarella, parlando alla Conferenza degli ambasciatori in corso alla Farnesina -, con il suo portato d’odio, ha fatto riemergere dal suo fiume carsico anche il fenomeno dell’antisemitismo, che, oggi come ieri, si nutre di luoghi comuni e di una visione distorta della storia. Derivazione di sottoculture che resistono al tempo e alla ragione, veri e propri “magazzini dell’odio, mai svuotati della loro merce tossica”, come le ha recentemente definite la Senatrice Liliana Segre. Si tratta di messaggi che debbono incontrare la più netta condanna, senza ambiguità, senza interpretazioni di comodo”. “Da 22 mesi il popolo ucraino si pone come argine a questa deriva e, ancora una volta, sono le vittime civili a pagare un prezzo alto. Si presenta, qui come a Gaza, la necessità di rendere stringenti le regole, anche in guerra, di quel diritto internazionale umanitario la cui urgenza emerse addirittura già con la Convenzione di Ginevra nel 1864. E’ inammissibile che, in conflitti armati di questo secolo, si esercitino attacchi e rappresaglie che colpiscono la inerme popolazione civile. Tocca alla comunità internazionale impedire nuove avventure a questa politica di sopraffazione che trova emuli in diverse situazioni e in più continenti”.

“Come ogni costruzione umana, l’Unione Europea non è perfetta: è un cantiere permanente, da puntellare quotidianamente con il lavoro di tutti, unendo, insieme, resilienza, ferma chiarezza e pazienza, come necessario per la conclusione dei negoziati in atto per il Patto di stabilità e crescita“.

“Allargamento e approfondimento dei meccanismi di integrazione economica e politica sono due aspetti strettamente connessi. Perché l’Unione Europea possa svolgere un ruolo rilevante a livello interno ed internazionale, essi debbono procedere di pari passo. Una esigenza, questa, che dovrebbe indurci ad un sempre maggiore ricorso al voto a maggioranza”.

Tajani: ‘L’Italia è tornata protagonista nel mondo’

“L’Italia quest’anno è tornata protagonista sul palcoscenico internazionale, penso a quello che è stato fatto nei Balcani e in Africa, a tutta l’azione per ridurre i flussi migratori combattendo i trafficanti con accordi coi Paesi di origine –  così il ministro degli Esteri Antonio Tajani a margine della sedicesima Conferenza delle Ambasciatrici e degli Ambasciatori d’Italia nel mondo alla Farnesina -. Penso a quello che abbiamo fatto all’interno del G7 e quello che faremo il prossimo anno, perché avremo dal 1 gennaio la guida del G7. Un’Italia che vuole essere portatrice di pace nel mondo, lo stiamo facendo in Medio Oriente”.

L’Italia ha “condannato con fermezza l’attacco di Hamas contro vittime inermi che ha ricordato la brutalità nazista dell’Olocausto, ma noi vogliamo anche che la reazione di Israele sia proporzionata, che risparmi la popolazione civile” a Gaza, ha poi spiegato il ministro aprendo la XVI Conferenza delle Ambasciatrici e degli Ambasciatori alla Farnesina, al fianco del presidente Sergio Mattarella.

Related posts

Salario minimo, ecco perché il Cnel targato Brunetta lo ha bocciato

Redazione Ore 12

E’ Legge dello Stato l’assegno unico per i figli, ecco le regole

Redazione Ore 12

Meloni: “L’Italia ha bisogno di migrazione legale”

Redazione Ore 12