Politica

Meloni ripassa Tolkien e cerca nuovi e vecchi nemici. Reagiscono le opposizioni e non solo

 

Meloni chiude Atreju e cerca, nel suo intervento al vetriolo che chiude la kermesse di Fratelli d’Italia, prima con il ringraziamento al Cavaliere e poi con i pesanti attacchi per vecchi e nuovi nemici, rileggendo ad hoc le pagine del Signore degli Anelli. . “Voglio mandare il mio ringraziamento a Silvio Berlusconi”, dice Giorgia Meloni iniziando il suo intervento conclusivo ad Atreju. Standing ovation della platea. “Voglio ringraziare Matteo Salvini e Antonio Tajani per i loro interventi, per 14 mesi di lavoro insieme, che sono anche 14 mesi di amicizia e di lealtà”, prosegue la premier che poi cita uno dei suoi scrittori preferiti. “Amo Tolkien ancora di più, perché aveva ragione: l’anello” del potere “ti lusinga, cerca di farti perdere il senso della realtà: ‘un anello per domarli, un anello per trovarli, un anello per ghermirli e nel buio incatenarli”. “Più forte di quell’anello c’è una compagnia che ti accompagna- aggiunge- dove ognuno fa la sua parte ed è pronto a prenderti in braccio se non ce la fai. Quell’anello non ci avrà mai, oggi siamo le stesse persone che eravamo ieri e domani saremo le stesse persone che siamo oggi. Porteremo il nostro compito a termine, costi quel che costi, ciascuno nel suo ruolo come un suol uomo”.

PRESTO GPA REATO UNIVERSALE, SONO ORGOGLIOSA

“I figli non si comprano e non si vendono. Sono orgogliosa che grazie ai nostri parlamentari l’utero in affitto diventerà presto reato universale, cioè perseguibile in Italia anche se commesso all’estero”. Lo dice Giorgia Meloni, nella giornata conclusiva di Atreju, dallo stesso palco dove ieri il miliardario Elon Musk ha invitato gli italiani “a fare più figli”, lui che ne ha 11 di cui una avuta con la maternità surrogata.

SCHLEIN INSULTA MA DIFETTA DI CORAGGIO

Il rifiuto di Elly Schlein “mi ha ricordato ‘Ecce bombo’ di Nanni Moretti: mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente? Faccio una citazione di sinistra”, dichiara Meloni dal palco di Atreju, dove attacca: “Ho letto che la segretaria del Pd ha detto ‘vedo persone che sono lì per accreditarsi con chi comanda e obbedire agli ordini di chi comanda’. Ecco, cara Elly tu puoi anche decidere di non partecipare, ma non c’è bisogno di insultare chi ha accettato un invito dimostrando un coraggio che evidentemente a voi difetta”.

NON SIAMO FUOCO DI PAGLIA, ABBIAMO STUDIATO

“Non siamo un fuoco di paglia: non siamo arrivati al governo per fortuna, da improvvisati della politica, ma perché per decenni abbiamo studiato ed elaborato un progetto” che “portiamo avanti a testa alta, schiena dritta, scarpe piene di fango e mani pulite”.

AVVERSARI MESCHINI, IO NON SCAPPO E NON MOLLO

“Spesso mi dicono ‘non mollare’. Io non sono il genere di politico che s’inchioda alla poltrona, me ne sarò andata molto prima che gli italiani dovessero invitarmi a farlo. Ma non saranno gli attacchi personali e la cattiveria di chi non accetta che siamo meschini come loro a farmi mollare. Io sono molto più resistente di quanto i miei avversari si aspettino, vedremo chi arriverà alla fine. Solo gli italiani possono deciderlo. Finché ci siete voi, il popolo italiano, non c’è verso di liberarsi di me. Non lasciatemi sola. In vita mia non sono scappata mai e non intendo farlo ora”.

L’ATTACCO A SAVIANO: FA I SOLDI RACCONTANDO I CAMORRISTI

“Nessuno scrittore racconta le storie di Caivano forse perché i camorristi fanno vendere molto di più? Ci si fanno serie tv, regalano celebrità, ricchezza e magari regalano un pulpito da New York da cui dare lezioni di legalità agli italiani sempre, s’intende, a pagamento”, dichiara la premier attaccando Roberto Saviano dal palco di Atreju.

Atreju, Schlein risponde a Meloni: “Patetico show, togliete il pane alle famiglie”

“Mentre fa festa ad Atreju il governo lascia 900mila famiglie in povertà senza nessun tipo di aiuto, fa cassa sui poveri solo per finanziare i suoi condoni fiscali. Cara Giorgia, non continuate a insultare gli italiani. Una volta si diceva panem et circenses, voi alle famiglie il pane lo state togliendo. E date solo uno spettacolino di terz’ordine con eversori che vorrebbero appendere le persone a testa in giù. La misura è colma, tornate al lavoro e occupatevi del lavoro povero: perché è a voi che è mancato il coraggio di venire in parlamento a votare contro il salario minimo, avete preferito annullare la discussione. Ma i problemi degli italiani non li potete annullare nel vostro patetico show”, dice la segretaria del Pd Elly Schlein rispondendo agli attacchi di Giorgia Meloni dal palco di Atreju. Ieri la leader del Pd al Forum sull’Europa ha dichiarato: “Non sto sul palco con i nostalgici di franchismo e fascismo”, spiegando il perché del suo rifiuto a prender parte alla festa di FdI.

 

Fedez risponde a Meloni: “Diffidare dagli influencer? Noi dovremmo diffidare dai politici”

 

È scontro tra i Ferragnez e Giorgia Meloni. Dal palco di Atreju la premier attacca Chiara Ferragni, dopo la multa dell’Antitrust per pratica commerciale scorretta relativa al pandoro Balocco, e sul web il marito Fedez sbotta.

“Evento quanto singolare che la presidente del Consiglio Giorgia Meloni abbia deciso di salire sul palco della sua ‘fantastica festa’ del partito per parlare delle priorità del Paese, per dire ‘diffidate dalle persone che lavorano sul web’. Questa è la priorità del Paese secondo Meloni?”, dichiara in una storia su Instagram. Fedez nel dettaglio dichiara: “Non ho parlato finora perche’ la vicenda non riguarda me. Mia moglie è una donna indipendente e non voglio sovra-determinare nessuno e in più lei stessa ha dichiarato che impugnerà questa cosa. Nonostante cio’, nonostante io non sia interno a questa vicenda, ovviamente mi sono preso un bel cumulo di m…, essendo mia moglie quindi sono stato additato come truffatore e tutto cio’ che faccio con la mia fondazione nel mondo della charity e’ stato definito opaco, fumoso. Ci tengo innanzitutto a dire che sono due cose differenti, ci vedete come una sola cosa, io sono io e ho una fondazione che ha un bilancio sociale che e’ pubblico, totalmente trasparente, quindi rimango abbastanza perplesso che si metta in discussione tutto ciò che ho fatto nel mondo del charity e non mi sta affatto bene. Evento alquanto singolare è che la presidente del Consiglio, sul palco della sua fantastica festa del partito, abbia deciso di parlare delle priorita’ del Paese. Quindi avra’ parlato della disoccupazione giovanile? No. Della manovra finanziaria che stanno facendo col c… e non hanno ancora finito? No. Della pressione fiscale? No. Ha deciso di dire ‘diffidate dalle persone che lavorano sul web’. Questa e’ la priorita’ del nostro presidente del Consiglio: ‘diffidate dalle persone che stanno sul web’. Il che mi fa capire che questo avvenimento sia stato in qualche modo attenzionato dalla politica perchè e’ prioritario per il nostro presidente del Consiglio. Mi fa sorridere che un politico dica ‘diffidate dalle persone che lavorano sul web’ quando noi dovremmo diffidare da voi politici per tutto lo storico e pregresso a cui ci avete abituato”.  Nella sua risposta a Meloni Fedez ha parlato anche dei fondi raccolti durante la pandemia per i lavoratori dello spettacolo. “Sapete quando ha stanziato il ministero? Mezzo milione di euro. Io da solo, chiuso in casa, in dieci giorno ho raccolto 3 milioni di euro. E in un anno 7 milioni di euro. Naturalmente non è mia intenzione sottrarmi dall’elefante nella stanza. Mia moglie impugnerà ciò che è stato detto nelle sedi opportune, si difenderà. Anche perché mia moglie, a differenza delle persone che compongono il suo partito, non ha potuto beneficiare dell’immunità parlamentare come l’onorevole Santanchè. E quindi pagherà se dovrà pagare e si difenderà se si deve difendere. Voi invece avete questo ‘poterino’ in più. Ma magari se la Santanché non avesse avuto l’immunità parlamentare forse oggi da quel palco avrebbe detto ‘diffidate di noi stessi’”.

Dire

Related posts

Meloni al congresso Cgil: “Non temo i fischi”. Poi cita Chiara Ferragni e boccia salario minimo e reddito di cittadinanza

Redazione Ore 12

Di Maio: “L’Italia non entrerà in guerra. Siamo impegnati per la pace”

Redazione Ore 12

Tajani: “Scontro con Salvini? Nessuna ricaduta sulla maggioranza”

Redazione Ore 12