Regioni

Partecipazione, al via il Festival che mette al centro cittadinanza attiva: ruolo e protagonismo dei giovani in Emilia Romagna

I giovani e la politica, la sicurezza in scuole e università, il cammino del Pnrr e il ruolo dei movimenti della società civile, le azioni di partecipazione di cittadini, reti civiche e associazioni in tanti settori della vita quotidiana.
Sono alcuni dei temi della tre giorni di laboratori, conferenze, musica e incontri che si terrà a Bologna dal 22 al 24 settembre.  

Oggi nella terza torre della Regione la presentazione dell’ottava edizione del Festival della Partecipazione, dal titolo Presente! Per un futuro partecipato, promossa da ActionAid e Cittadinanzattiva, in collaborazione con Caritas Italiana e Fondazione Innovazione Urbana e con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna.

Sono intervenuti l’assessore regionale al Bilancio Paolo Calvano,  Erika Capasso per Comune di Bologna e Fondazione Innovazione Urbana, Katia Scannavini ActionAid, Anna Lisa Mandorino Cittadinanzattiva, Don Matteo Prosperini direttore di Caritas Bologna, Chiara Pignaris, Associazione italiana partecipazione pubblica.

Fitto il calendario di laboratori, presentazioni e incontri che animeranno la Biblioteca Sala Borsa, e gli spazi della Fondazione per l’innovazione urbana, della Regione Emilia-Romagna e della Casa di Quartiere “Katia Bertasi”.
Si parlerà di partecipazione giovanilediritto all’abitare e amministrazione condivisa dei beni comuni, monitoraggio civico dei fondi Pnrr.
E, ancora, il ruolo di cittadini e associazioni nell’emergenza post catastrofe dopo l’alluvione di maggio, le Case di quartiere con le esperienze a Padova, Reggio Emilia, Torino e Brindisi, welfare di comunitàtransizione digitale e ambientale, le esperienze in Italia per contrastare le disuguaglianze educative.

Venerdì 22 settembre il Festival si apre con la Giornata della Partecipazione (sala Guido Fanti in viale Aldo Moro, 50) organizzata da Giunta e Assemblea legislativa della Regione in collaborazione con l’associazione sulla partecipazione pubblica AIP2, e prosegue nel pomeriggio nella sala Tassinari a palazzo d’Accursio (piazza Maggiore, Bologna).

Il workshop analizzerà 100 progetti costruiti sulle esperienze dirette dei territori per riflettere sull’attualità dei principi della Carta regionale della Partecipazione. Esperienze concrete che partendo dalla partecipazione come modalità di lavoro abituale tra amministrazione, forze sociali e cittadini hanno toccato diversi settori: dalla rigenerazione urbana all’inclusione sociale, dalla sostenibilità ambientale alla cura dei beni comuni, al miglioramento della mobilità urbana fino alla cura delle fasce più deboli della popolazione.

La discussione contribuirà all’aggiornamento della Carta e all’elaborazione del nuovo bando regionale della partecipazione. Interverranno, tra gli altri, rappresentanti delle Regioni Emilia-Romagna, Puglia, Toscana.

Durante il Festival, la Fondazione per l’innovazione urbana promuove una rassegna con le 33 Case di Quartiere che organizzeranno attività, momenti di animazione sociale ed eventi al fine di far conoscere alla città il ruolo di luoghi di prossimità e spazi di partecipazione e aggregazione.

Related posts

Non ci sarà futuro, in Sardegna, per quattro centrali eoliche di mare

Redazione Ore 12

Quadrilatero Marche-Umbria, Anas: aperto al traffico il secondo tratto della Pedemontana delle Marche

Redazione Ore 12

Regione Puglia – Locorotondo (Ba), Fiera della Biodiversità

Redazione Ore 12