Politica

Pd-M5S, addio campo largo. Letta: “Scenario cambiato, ora pensiamo a noi”

 

“Dobbiamo concentrarci su noi stessi, senza perdere di vista lo scenario collettivo. Non dobbiamo fermarci a pensare a quello che faranno gli altri, perchè quello che sanno fare gli altri, lo hanno fatto ieri. Aggiustare quello che hanno fatto, per gli altri, sarà molto difficile. Quindi dobbiamo partire da noi, rovesciare il tavolo, dicendo agli italiani quello che vogliamo fare noi”. Lo ha detto Enrico Letta ai gruppi parlamentari del Pd riuniti a Montecitorio. “La nostra capacità di sfondamento elettorale, è completamente cambiata”, ha aggiunto Letta. Noi dobbiamo “sapere se vinceremo se faremo bene noi, non fermiamoci a pensare cosa faranno gli altri. Ieri c’è stato un cambio totale di paradigma, il quadro e lo scenario è totalmente modificato, aggiustare cosa è stato rotto ieri sarà difficile”. Ma nel Pd arrivano anche i distinguo e soprattutto parole di rottura con il M5S e soprattutto con il Presidente Conte: “Il leader dei Cinquestelle ha preso un’altra strada, inconciliabile con la nostra”. Così il senatore dem Andrea Marcucci in un’intervista al ‘Giornale’, in cui spiega le prospettive del centrosinistra dopo la crisi di maggioranza. “Conte ha la responsabilità pesantissima di essere stato il primo ad aprirla – accusa il dem -. Ha aperto un varco, che poi Salvini ha sfruttato. Sia chiaro che chi ha fatto cadere il governo – aggiunge Marucci -, è responsabile di un vero e proprio attacco all’Italia”. In vista delle urne, secondo il senatore, “bisogna rafforzare innanzitutto le alleanze con le forze liberali ed europeista che vogliono proseguire l’agenda Draghi”. Il segretario dem allarga il ragionamento al centrodestra, ma poi cita espressamente anche il M5S. “Loro non sanno quello che hanno fatto, chi ha combinato quello che ha combinato, non sa quel che ha fatto. Noi e i cittadini italiani ci renderemo conto presto di quali saranno i danni – è il monito – Ci sono stati errori enormi che hanno fatto tutti loro. Io non faccio classifiche. Le responsabilità sono di tutti“, rimarca Letta, mentre i gruppi parlamentari del Pd accolgono con un lungo applauso questo passaggio. Dunque ora la palla passa solo ed esclusivamente nel campo del Pd, visto che per trovare un’intesa, se ci si arriverà, passeranno degli anni.

aggiornamento crisi di Governo ore 15.14

Related posts

Superbollette, Assoutenti: “Spegnere la luce nei Comuni non basta. Tagliare gli extra-profitti sull’energia delle partecipate”. Hanno un valore di 27,9 miliardi

Redazione Ore 12

Green Pass ed autotrasporto, c’è il rischio scaffali vuoti per mancate consegne

Redazione Ore 12

Tre italiani su quattro vogliono che la sanità sia pubblica. Report di Istituto Piepoli per Fnomceo

Redazione Ore 12