Economia e Lavoro

Protesta agricola, giovedì i trattori al Circo Massimo, ma le sigle si dividono

 

Non si spegne il rombo dei trattori, non tutti hanno preso bene le promesse fatte dal Governo a sostegno della filiera. L’ala più dura del movimento ‘Cra agricoltori traditi’ punta sulla data del 15 febbraio per far ripartire con forza la mobilitazione. Ad annunciarla il leader Danilo Calvani: “Ci saranno almeno ventimila persone, un gruppo di nostri trattori partirà in corteo dal presidio di Cecchina e arriveranno nel cuore di Roma, fino al Circo Massimo. Dovrebbero essere una quindicina di mezzi scortati dalle forze dell’ordine”. Calvani poi aggiunge: “Quella di giovedì sarà solo la prima delle nostre manifestazioni. La nostra protesta andrà avanti”.  “Non vogliamo in piazza infiltrati violenti né bandiere di partiti e sindacati” ribadisce Calvani sottolineando che il suo movimento è “aperto al dialogo con gli altri gruppi in mobilitazione in questi giorni”.  “Anche noi siamo disponibili a un dialogo per portare avanti le battaglie degli agricoltori, ma giovedì non saremo in piazza per timori di infiltrazioni violente”. A dirlo Salvatore Fais, leader di Riscatto agricolo in merito alle parole di Danilo Calvani del Cra che ha invitato “tutti gli agricoltori” a partecipare alla manifestazione a Circo Massimo giovedì prossimo. “Noi il 15 rimarremo al presidio” aggiunge Fais. Anche tutte le altre sigle di categoria, Coldiretti, Confagri, Cia, che hanno avuto un incontro istituzionale a Palazzo Chigi, non andranno al Circo Massimo.

aggiornamento protesta agricola ore 14.11

Related posts

Prezzi alle stelle, in piazza gli agricoltori Cia

Redazione Ore 12

Crolla la produzione italiana di riso (-20/25%)

Redazione Ore 12

Franco (Economia): “La crescita acquisita dell’Italia andrà oltre il 6 per cento”

Redazione Ore 12