Roma Capitale

Stadio Roma, Bonessio: al via il dibattito pubblico. Bene il cronoprogramma degli incontri. Trasporti, verde e impatto acustico rimangono i nodi da attenzionare

Rispetto a quanto illustrato quest’oggi voglio rivolgere un plauso a Nomisma, società a cui è affidata la gestione del dibattito pubblico sullo stadio della As Roma, per aver realizzato un articolato processo di informazione, partecipazione e confronto che attraverso 10 incontri pubblici, in presenza e online, consentirà a tutti gli interessati di fornire utili spunti sia per influenzare la progettazione dell’intervento sia orientare la valutazione degli Enti competenti in sede di Conferenza dei Servizi per la decisione definitiva.

Insomma, un vero processo partecipato come auspicato da Roma Capitale sin dall’inizio che vede il coinvolgimento attivo dei cittadini, comitati e associazioni della zona che devono trarre solo benefici in termini di maggiore vivibilità del quartiere e sostenibilità dell’impianto. Nonostante, è giusto ricordare, dopo la semplificazione del “Codice degli Appalti” voluta dal ministro Salvini, l’organizzazione della partecipazione pubblica prevista dall’art.22 del D.Lgs. n.50/2016, non sarebbe stato più un atto dovuto.

Augurando a tutti un buon lavoro, è chiaro che da adesso in poi si entrerà nel merito dei contenuti e nell’analisi e valutazione di proposte e pareri. A tal fine come Amministrazione vigileremo con attenzione soprattutto rispetto ai nodi evidenziati dall’Assemblea capitolina già in sede di riconoscimento del pubblico interesse dell’impianto.

Nello specifico attendiamo risposte precise in merito: alla viabilità con il potenziamento del trasporto pubblico e un sistema di accesso e deflusso esclusivo per l’ospedale Pertini; all’impatto acustico sul territorio circostante vista anche la vicinanza con una importante struttura ospedaliera. Per ciò che concerne le aree verdi, ribadisco che il verde pubblico dovrà essere effettivamente fruibile e riforestato, con il suolo permeabile, in grado di svolgere una vera azione di mitigazione ambientale e compensazione delle emissioni.

Così come ritengo indispensabile arrivare alla progettazione definitiva dell’impianto di Pietralata con la sicurezza assoluta della chiusura dell’anello ferroviario, e che quindi dai quartieri a nord della Capitale si possa agevolmente arrivare alla stazione di Roma-Tiburtina. Viceversa, sarebbe è una vera follia! Per questo auspico che anche la As Roma possa essere vicino a Roma Capitale in questa battaglia per ottenere dal Governo i fondi necessari al completamento di una opera infrastrutturale strategica e irrinunciabile in vista della costruzione del nuovo stadio della Roma.

Così in una nota il consigliere capitolino del Coordinamento Verdi-Sinistra e presidente della Commissione Sport di Roma Capitale Ferdinando Bonessio

Related posts

Sicurezza sul lavoro, disco verde in Commissione alla Pisana alla nuova legge regionale

Redazione Ore 12

Magi (Omceo Roma): “Attese troppo lunghe per il Nue, problema è mancanza servizi”

Redazione Ore 12

Taxi-Ncc, Patanè (Roma Capitale) – Antonelli (Comune di Fiumicino): “Proficuo incontro per risolvere i problemi nello scalo da Vinci”

Redazione Ore 12