Economia e Lavoro

Turisti delle radici ‘influencer’ dell’Italia

Turisti delle radici influencer dellItalia

Analisi di Confcommercio in occasione del Forum internazionale del turismo a Baveno: al rientro da un viaggio in Italia, l’87% consiglia caldamente le nostre destinazioni turistiche a parenti, amici e conoscenti

 

Sei milioni di italiani residenti all’estero, che diventano 80 milioni con oriundi e discendenti. E il numero si moltiplica ancora, addirittura fino a quota 260 milioni, se nel novero comprendiamo anche gli affini con legami parentali, chi comunque parla la nostra lingua o si sente particolarmente vicino alla nostra cultura, anche per motivi di lavoro. Sono numeri che fanno dell’Italia un caso pressoché unico al mondo e che il 2024 – anno delle radici italiane – permette di portare in primo piano. Una comunità così vasta rappresenta dal punto turistico una domanda potenziale di dimensioni a dir poco sorprendenti, come emerge da una ricerca di Confcommercio – in collaborazione con Swg, TRA Consulting, Italyrooting consulting – pubblicata in occasione del Forum internazionale del turismo di Baveno del 24 e 25 novembre,  che contiene tre livelli di approfondimento sul turismo delle radici: un’indagine sul valore economico, una ricerca demoscopica su turisti attuali e potenziali e un’analisi qualitativa, queste ultime due realizzate con interviste in Australia, Argentina, Brasile, Canada, Francia, Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti.

Interessante notare che le nostre comunità all’estero spiccano per essere grandi promotrici naturali del Paese: al rientro da un viaggio in Italia, l’87% consiglia infatti caldamente le nostre destinazioni turistiche a parenti, amici e conoscenti. Sono, insomma, clamorosi influencer: il 61% di chi è venuto nel nostro Paese lo ha fatto tre volte o più nella sua vita e un ulteriore 27% è venuto due volte. E quando tornano non è vero che si limitano a tornare nei luoghi d’origine, tutt’altro, visto che il 55% del tempo del viaggio è dedicato a visitare l’Italia nel suo complesso. Per quanto riguarda l’alloggio la scelta cade prevalentemente su alberghi e strutture turistico-ricettive, mentre la spesa è decisamente alta: in media 3.100 euro a persona per viaggi di almeno due settimana.

Dati del genere suggeriscono l’opportunità di realizzare nuovi prodotti turistici capaci di attrarre in maniera specifica questo enorme mercato di riferimento, ma anche di rendere più attraente l’offerta per il turismo esperienziale che muove oggi la maggior parte dei mercati, a partire da quelli maturi, come l’Europa e il Nord America. I turisti delle radici al rientro, portano con loro, e fanno conoscere, le produzioni più eccellenti del made in Italy: enogastronomia, abbigliamento, artigianato, calzature, gioielli e libri. Un legame con l’Italia che, partendo certamente dalla curiosità e amore per la propria storia familiare, si estende a valori comuni a molti altri viaggiatori: la bellezza e la fama dell’Italia nel mondo, la sua cucina – di cui vogliono apprendere il più possibile tutti i segreti – la sua lingua, che vogliono imparare e perfezionare a tutti i costi anche con corsi dedicati durante il soggiorno, e la cultura del nostro Paese.

Confcommercio accompagnerà il 2024 con una serie di iniziative, soprattutto a livello locale, dedicate a tutti gli operatori e professionisti che al turismo delle radici vorranno avvicinarsi prendendo parte attiva a progetti di sviluppo delle destinazioni. Il 2024 deve essere l’inizio di un grande percorso di ulteriore avvicinamento tra l’Italia e la sua meravigliosa e vasta comunità nel mondo.

 

Meloni: “turismo comparto fondamentale per la nostra economia”

“Il turismo – ha detto la premier in videocollegamento – è un comparto fondamentale per la nostra economia, uno dei motori trainanti dell’Italia, uno degli asset strategici del nostro tessuto produttivo ma spesso è stato trascurato e a volte snobbato. E questo lo ritengo un errore gravissimo sul piano strategico. Ed è per questo che dall’inizio ci siamo messi al lavoro per dargli una nuova centralità. E i dati ci hanno dato ragione visto che nei primi 4 mesi del 2023 abbiamo avuto il 43% di turisti in più e abbiamo 130 mila occupati del settore”. La presidente del Consiglio, oltre al turismo delle radici che ha un bacino potenziale di 80 milioni di italodiscendenti, non ha mancato di citare il Giubileo del 2025, le Olimpiadi di Milano e Cortina, gli Europei di calcio del 2032, l’Expo del 2030 “per cui stiamo combattendo: eventi che porteranno in Italia milioni di turisti. Nel mondo c’è tantissima fame di Italia ed è nostro preciso dovere rispondere a questa fame e farci trovare sempre più pronti”. La presidente del Consiglio ha anche affrontato la questione balneari, sottolineando che “il turismo balneare rappresenta un’eccellenza italiana che noi vogliamo difendere e mettere al riparo dall’incertezza normativa, in un confronto che è sempre costante e serrato con Bruxelles”.

“Il governo di Giorgia Meloni mette al centro le politiche del turismo. Se il turismo è l’oro della nostra nazione bisogna essere consequenziali perché diventi la prima industria del Paese”. Lo ha detto il ministro del Turismo, Daniela Santanché, nel corso del suo intervento al Forum Internazionale del Turismo in corso di svolgimento sul Lago Maggiore. “Dobbiamo fare di più e fare meglio. Non basta avere un Ministero con portafogli, bisogna avere lo stesso sentire, la stessa visione, gli stessi obiettivi. E per farlo – ha aggiunto – serve un governo coeso come il nostro. Già qualche risultato lo possiamo vedere. Il turismo è una materia trasversale da una parte e centrale dall’altra”. Quanto al Forum, “non è una passerella di ministri: oggi e domani ci saranno tanti ministri perché dobbiamo avere tutti presente che il turismo è materia trasversale: sarebbe errore di visione se non capissimo che il turismo è trasversale e centrale”.

L’Italia è al settimo posto in Europa per l’incidenza sul Pil nazionale del turismo, che genera un effetto moltiplicativo pari a 2,3 grazie alla creazione di filiere sul territorio nazionale, rappresentando il 13% del Pil e contribuendo con 255 miliardi di euro e 2,7 milioni di posti di lavoro, pari all’11% del totale degli occupati.

Lollobrigida: “lavorare insieme per difendere l’Italia” 

“Quello che vorremmo oggi dall’opposizione è lavorare insieme per difendere il sistema Italia nel suo complesso”. Lo ha detto il ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida, in occasione del Forum internazionale del turismo. “Siamo un crogiuolo di identità e di valori. L’agricoltura – ha aggiunto – ha un vantaggio. Abbiamo oggi un’agricoltura moderna, capace di essere innovativa e rispettosa dell’ambiente però anche una particolarità rispetto alle altre nazioni, un numero enorme di prodotti che siamo riusciti a proteggere. L’Italia è una nazione che tra Dop e Igp ha un numero superiore rispetto a tutte le altre, la gente viene in Italia anche per mangiare bene. I prodotti attraggono turismo ed è una cosa tipica della nostra Italia. Oggi guardiamo con occhi molto ottimistici per il grandioso impegno degli imprenditori italiani, che hanno superato la fase della pandemia che è stata di sofferenza”. 

Related posts

Vendite al dettaglio, torna il sereno

Redazione Ore 12

Extraprofitti, tetto del Mef al prelievo. Banche in netto recupero a Piazzaffari

Redazione Ore 12

Aree interne: 198,6 milioni per la Strategia 2021-2027. Ecco il riparto finanziario

Redazione Ore 12