Primo piano

UNICEF/WFP/OMS: “La vita dei bambini è minacciata dall’aumento della malnutrizione nella Striscia di Gaza”

 

  • La situazione è particolarmente grave nel nord, dove 1 bambino su 6 sotto i due anni soffre di malnutrizione acuta; di questi, quasi il 3% soffre di malnutrizione acuta grave, la forma di malnutrizione più pericolosa per la vita.
  • Nella Striscia di Gaza meridionale, a Rafah, dove gli aiuti sono stati più disponibili, il 5% dei bambini sotto i 2 anni soffre di malnutrizione acuta.
  • Il 95% delle famiglie limita i pasti e le porzioni, e il 64% delle famiglie consuma un solo pasto al giorno.
  • Oltre il 95% delle famiglie ha dichiarato di aver limitato la quantità di cibo degli adulti per garantire che i bambini piccoli abbiano cibo da mangiare.

 

20 febbraio 2024 – Un forte aumento della malnutrizione tra i bambini e le donne in gravidanza e che allattano nella Striscia di Gaza mette a rischio la loro salute, secondo una nuova analisi completa pubblicata dal Global Nutrition Cluster.

Mentre il conflitto in corso nella Striscia di Gaza entra nella sua 20a settimana, il cibo e l’acqua sicura sono diventati incredibilmente scarsi e le malattie sono diffuse, compromettendo la nutrizione e l’immunità di donne e bambini e provocando un aumento della malnutrizione acuta.

 

Il rapporto – Nutrition Vulnerability and Situation Analysis – Gaza – rileva che la situazione è particolarmente estrema nella Striscia di Gaza settentrionale, che è stata quasi completamente tagliata fuori dagli aiuti per settimane. Gli screening nutrizionali condotti nei rifugi e nei centri sanitari del nord hanno rilevato che il 15,6% – ovvero 1 bambino su 6 sotto i 2 anni – soffre di malnutrizione acuta. Di questi, quasi il 3% soffre di malnutrizione acuta grave, la forma di malnutrizione più pericolosa per la vita, che espone i bambini piccoli al massimo rischio di complicanze sanitarie e di morte se non ricevono cure urgenti. Poiché i dati sono stati raccolti a gennaio, è probabile che la situazione sia ancora più grave oggi.

 

Controlli simili nella Striscia di Gaza meridionale, a Rafah, dove gli aiuti sono stati più disponibili, hanno rilevato che il 5% dei bambini sotto i 2 anni soffre di malnutrizione acuta. Questa è la prova evidente che l’accesso agli aiuti umanitari è necessario e può aiutare a prevenire i risultati peggiori. Inoltre, rafforza l’appello delle agenzie a proteggere Rafah dalla minaccia di un’intensificazione delle operazioni militari.

 

“La Striscia di Gaza sarà testimone di un’esplosione delle morti di bambini prevenibili che aggraverebbe il livello già insopportabile di morti di bambini a Gaza”, ha dichiarato Ted Chaiban, Vicedirettore generale dell’UNICEF per l’azione umanitaria e le operazioni di approvvigionamento. “Abbiamo avvertito per settimane che la Striscia di Gaza è sull’orlo di una crisi nutrizionale. Se il conflitto non termina ora, la nutrizione dei bambini continuerà a precipitare, portando a morti evitabili o a problemi di salute che si ripercuoteranno sui bambini di Gaza per il resto della loro vita e avranno potenziali conseguenze intergenerazionali”.

 

Prima delle ostilità degli ultimi mesi, la malnutrizione acuta nella Striscia di Gaza era rara, con appena lo 0,8% dei bambini sotto i 5 anni di età con malnutrizione acuta. Il tasso di malnutrizione acuta del 15,6% tra i bambini di età inferiore ai 2 anni nel nord di Gaza evidenzia un grave e rapido declino. Un tale declino nello stato nutrizionale di una popolazione in tre mesi non ha precedenti a livello globale.

 

C’è un alto rischio che la malnutrizione continui ad aumentare nella Striscia di Gaza a causa dell’allarmante mancanza di cibo, acqua e servizi sanitari e nutrizionali:

 

  • Il 90% dei bambini di età inferiore ai 2 anni e il 95% delle donne in gravidanza e che allattano si trovano in condizioni di grave povertà alimentare – il che significa che hanno consumato due o meno gruppi di alimenti nel giorno precedente – e il cibo a cui hanno accesso è di bassissimo valore nutrizionale.
  • Il 95% delle famiglie limita i pasti e le porzioni, e il 64% delle famiglie consuma un solo pasto al giorno.
  • Oltre il 95% delle famiglie ha dichiarato di aver limitato la quantità di cibo degli adulti per garantire che i bambini piccoli abbiano cibo da mangiare.

 

“Il forte aumento della malnutrizione a cui stiamo assistendo a Gaza è pericoloso e del tutto prevenibile”, ha dichiarato Valerie Guarnieri, Direttrice Esecutiva Aggiunta del WFP per le operazioni di programma. “I bambini e le donne, in particolare, hanno bisogno di un accesso continuo a cibi sani, acqua pulita e servizi sanitari e nutrizionali. Perché ciò avvenga, abbiamo bisogno di miglioramenti decisivi per quanto riguarda la sicurezza e l’accesso umanitario, e di ulteriori punti di ingresso per gli aiuti a Gaza”.

 

L’inadeguatezza dell’acqua potabile, così come l’insufficienza di acqua per cucinare e per l’igiene, aggravano la scarsa alimentazione. In media, le famiglie intervistate avevano accesso a meno di un litro di acqua sicura per persona al giorno. Secondo gli standard umanitari, la quantità minima di acqua sicura necessaria in caso di emergenza è di tre litri per persona al giorno, mentre lo standard generale è di 15 litri per persona, che comprende quantità sufficienti per bere, lavarsi e cucinare.

 

Affamati, assetati e deboli, sempre più gazesi si ammalano. Il rapporto rileva che almeno il 90% dei bambini sotto i 5 anni è colpito da una o più malattie infettive. Il 70% ha avuto la diarrea nelle ultime due settimane, un aumento di 23 volte rispetto alla situazione di partenza del 2022.

 

“La fame e le malattie sono una combinazione letale”, ha dichiarato Mike Ryan, Direttore esecutivo del Programma di emergenza sanitaria dell’OMS. “I bambini affamati, indeboliti e profondamente traumatizzati hanno maggiori probabilità di ammalarsi e i bambini malati, soprattutto se colpiti da diarrea, non possono assorbire bene i nutrienti. È pericoloso e tragico e sta accadendo sotto i nostri occhi”.

 

Senza una maggiore assistenza umanitaria, è probabile che la situazione nutrizionale continui a deteriorarsi rapidamente e su larga scala in tutta la Striscia di Gaza. Con la maggior parte dei servizi sanitari, idrici e igienici gravemente deteriorati, è essenziale che quelli ancora funzionanti siano protetti e rafforzati per arginare la diffusione delle malattie e impedire che la malnutrizione peggiori.

 

L’UNICEF, il WFP e l’OMS chiedono un accesso sicuro, senza ostacoli e sostenuto per fornire urgentemente assistenza umanitaria multisettoriale in tutta la Striscia di Gaza. Ciò include alimenti nutrienti, forniture nutrizionali e servizi essenziali per i bambini malnutriti e a rischio e per le donne affinché possano accedere in sicurezza ai servizi di assistenza e cura sanitaria e nutrizionale, in particolare i neonati e i bambini sotto i 5 anni. Gli ospedali e gli operatori sanitari devono essere protetti dagli attacchi in modo da poter fornire in sicurezza cure e trattamenti essenziali. Un cessate il fuoco umanitario immediato continua a essere la migliore possibilità per salvare vite umane e porre fine alle sofferenze.

Related posts

Siria, altro convoglio Onu pronto a entrare nel nordovest. Assad visita Aleppo

Redazione Ore 12

Non ci sarà alcun riconoscimento della Chiesa alle unioni gay. “La Congregazione della fede: “Non si può impartire la benedizione”

Redazione Ore 12

Acqua, c’è un nuovo allarme dell’Anbi. Grave la situzione in numerose Regioni

Redazione Ore 12