Politica

Conte ritorna in campo e cerca di prendersi la guida del MoVimento 5 Stelle e prende le distanze, senza parlarne, da Rousseau

“Oggi sono qui con voi anche perché dietro le sollecitazioni di tantissimi di voi e di Beppe Grillo ho accettato questa sfida complessa ed affascinante: rifondare il Movimento 5 stelle. Non è un’operazione di restyling o marketing politico ma un’opera coraggiosa di rigenerazione del Movimento, senza rinnegare il passato”. Con queste parole, Giuseppe Conte ha iniziato il suo intervento all’affollata Assemblea del M5S, dove ha cercato di imprimere una svolta al Movimento, cercando al tempo stesso di prenderne la leadership. “Rifondare non vuol dire rinnegare – ha continuato l’ex Presidente del Consiglio – ma deve essere un’opera che valorizzi l’esperienza fatta che proietti il M5S in una forza capace di presentare un nuovo modello di sviluppo. Un modello di sviluppo che realizzi condizioni effettive di benessere equo e sostenibile, che coniughi la transizione energetica in atto per ridurre le tante diseguaglianze”. “In queste settimane ho elaborato delle proposte su cui ci confronteremo. Dopo la pausa pasquale programmeremo una serie di incontri per raccogliere i vostri suggerimenti, prima di condividere il progetto finale”, aggiunge. 

“Proporrò – ha detto ancora Conte – una carta dei principi e dei valori, in modo che chi vorrà aderire a questa nuova forza politica non abbia dubbi sulla sua identità”. Nel Movimento, ha detto Conte, “dobbiamo partire da 2 punti solidi: una proposta che definisca una chiara identità politica e una proposta per dotare il movimento di razionalità organizzativa, coinvolgendo le varie organizzazioni territoriali e della società civile in modo stabile”.

“Vi proporrò un nuovo Statuto che non rinneghi i punti di forza “leggera” di un Movimento ma che allo stesso tempo possa espletare tutta la forza organizzativa che ci serve e che ci aiuti a definire con chiarezza la linea politica e ad essere più incisivi”. “Dobbiamo evitare la forma partito tradizionale, avremo regole rigorose che contrasteranno la formazione di correnti interne che inevitabilmente finiscono per cristallizzare sfere d’influenze e posizioni di potere. Non abbiamo bisogno di associazione varie, il nuovo impegno viviamolo interamente nel nuovo Movimento”. “Ci sarà un dipartimento che si occuperà a tempo pieno con partiti stranieri, avremo un centro di formazione permanente”, aggiunge Conte.

“Rispetto della persona; ecologia integrale, secondo cui occorre affidarsi a modelli di sviluppo aperti a misurare le condizioni effettive di benessere equo e sostenibile; la giustizia sociale”. E Conte tra i principi elenca “l’etica pubblica” e il “rafforzamento della democrazia diretta, la democrazia diretta digitale che resterà un punto fermo del neo Movimento”, aggiunge. “In passato il M5s è ricorso a espressioni giudicate spesso aggressive ma ogni fase ha la sua storia, dobbiamo essere consapevoli che la politica non deve lasciare sopraffarsi dalla polemica, deve riconoscere anche la bontà delle idee altrui”. Poi sul nuovo Statuto chedopo una votazione su “una” piattaforma digitale, senza però citare Rousseau. 

Related posts

Letta all’Assemblea nazionale dei Democratici: “Il Pd esiste, è vivace e vivo”

Redazione Ore 12

Draghi: “Per controllo Recovery Fund ruolo Corte Conti diventa più importante”

Redazione Ore 12

Centrosinistra avanti tutta. Il centrodestra regge l’urto solo a Trieste. A Roma e Torino due Sindaci Pd

Redazione Ore 12