Primo piano

Giovane dottorando italiano accoltellato ed ucciso da un balordo di una gang a New York. Ferito anche un altro connazionale

Un dottorando italiano della Columbia University di New York è stato ucciso nella zona Harlem durante un’aggressione in strada, giovedì sera.

Davide Giri, questo il nome della vittima, 30 anni, aveva studiato a Torino, al Politecnico ed era iscritto alla School of Engineering and Applied Science dell’ateneo americano. Secondo una ricostruzione della polizia, rilanciata dalla stampa locale, attorno alle 11 di sera è stato accoltellato all’addome tra la 123esima Street West e Amsterdam Avenue. Sarebbe stato assalito alle spalle e accoltellato da un aggressore, poi fuggito.

Giri è morto dopo il trasporto d’urgenza al Mount Sinai Morningside Hospital. Per l’omicidio è indagato un giovane di 25 anni, fermato al Central Park: secondo fonti citate dalla stampa, è affiliato a una gang nota come “EveryBody Killer”. Il sospetto avrebbe accoltellato anche un 27enne, un turista, pure ricoverato in ospedale, che sarebbe in condizioni “stabili”.
In una email inviata agli studenti della Columbia University questa mattina, il presidente dell’ateneo Lee Bollinger ha espresso “grande dolore per la tragica notizia” della morte di Giri. “La Farnesina e il consolato generale a New York, in stretto raccordo con le autorità di polizia locali, stanno seguendo con la massima attenzione il caso di accoltellamento seriale in cui un cittadino italiano è rimasto ucciso e un altro ferito“: così in una nota il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale.  Nel comunicato si aggiunge che la Farnesina e il consolato “stanno prestando ogni possibile assistenza al connazionale ferito e ai famigliari di quello che purtroppo ha perso la vita”.

Dire

Related posts

Ripartenze al chiuso, dote da 47 mld

Redazione Ore 12

Emergenza Afghanistan, in campo anestesisti e rianimatori per il sostegno dei diritti della scienza e delle donne

Redazione Ore 12

MInacce alla senatrice Segre, perquisizioni e sequestri a Viterbo e Cagliari

Redazione Ore 12