Primo piano

Greenpeace: “Il nucleare in Francia è un problema anche per l’Italia”

La Francia ha deciso di prolungare di dieci anni l’operatività di 32 vecchi reattori nucleari, la metà dei quali dista meno di 200 chilometri dai nostri confini. Su sollecitazione di Greenpeace, lo scorso 14 gennaio l’allora ministro dell’Ambiente Sergio Costa, ha inviato una nota alle autorità francesi per chiedere una “consultazione transfrontaliera”.

Il direttore esecutivo di Greenpeace ItaliaGiuseppe Onufrio ha segnalato che “queste vecchie centrali nucleari sono pericolose già adesso e nessun miracolo riuscirà mai a portarle agli standard di sicurezza oggi richiesti. – continua – Che i cittadini italiani siano parte interessata, ai sensi della Convenzione di Espoo, è ovvio. In particolare, i cittadini di Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia saranno esposti con questa decisione a rischi notevoli nei prossimi dieci anni”.

La Convenzione di Espoo adottata nel 1991 richiede ai governi di garantire la possibilità anche ai cittadini degli Stati confinanti, evidentemente coinvolti, di partecipare ad una procedura di consultazione sulle attività proposte. Si chiama “consultazione transfrontaliera” e prevede, su questioni rilevanti come questa, un’accurata Valutazione di Impatto Ambientale, che però il governo francese non ha avviato.

Related posts

La Guardia di Finanza scopre un’associazione per delinquere finalizzata a commettere reati tributari

Redazione Ore 12

Peste Suina, allarme di Cia-agricoltori: “Decreto prigioniero delle lentezze mentre il virus corre”

Redazione Ore 12

Cop26, soddisfazione dell’americano Kerry: “Il testo dell’accordo è buono”

Redazione Ore 12