Covid

L’Italia si colora di Rosso ed Arancione, ecco le misure per questo nuovo lockdown

L’Italia si tinge di arancione e di rosso e si prepara a vivere la seconda Pasqua della sua storia, dopo quella dello scorso anno, in lockdown. Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri vara restrizioni più stringenti per fronteggiare la nuova ondata di contagi e le varianti che preoccupano il governo e gli esperti.  Ecco, comunque, le principali novità contenute nel Decreto, che dovrà passare al vaglio delle Camere.

“Dal 15 marzo al 6 aprile 2021, le misure stabilite per la zona rossa si applicano anche nelle Regioni nelle quali l’incidenza cumulativa settimanale dei contagi e’ superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti, sulla base dei dati validati dell’ultimo monitoraggio disponibile”. E’ quanto si legge nella bozza di decreto atteso al Cdm, in possesso della Dire.

Arriva la deroga di Pasqua per le visite a parenti e amici. Il 3-4-5 aprile con tutta Italia in lockdown sara’ possibile visitare una sola abitazione all’interno della regione, massimo due persone che potranno portare con loro i minori 14 anni. E’ quanto emerge dalla bozza di decreto atteso al Cdm, in possesso della Dire.

“Dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021, nelle Regioni nelle quali si applicano le misure stabilite per la zona arancione, è consentito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi. Lo spostamento non è consentito nei territori nei quali si applicano le misure stabilite per la zona rossa”. È quanto si legge nella bozza di decreto atteso al Cdm, in possesso della Dire.

Nel testo, rispetto al dpcm 2 marzo ci sarà l’assoggettamento automatico al regime delle zone rosse nei territori in cui l’indice di trasmissibilità sia superiore a 250 contagi per 100mila residenti. Con la possibilità nei weekend di far scattare ulteriori misure da ‘zona rossa rafforzata’. Decreto legge e ordinanza del ministero della Salute entreranno in vigore da lunedì 15 marzo. 

Il primo effetto ci sarà sulle scuole. Nelle zone rosse sarà sospesa l’attività didattica in presenza negli istituti di ogni ordine e grado, comprese scuole dell’infanzia, elementari e medie. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Nelle zone arancioni e rosse le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura sono sospesi. Stop agli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto. Palestre, piscine, impianti sciistici, centri benessere e termali restano chiusi. Sospese in zona arancione e rossa le attività dei servizi di ristorazione. Consentiti l’asporto (senza consumazione sul posto) e la consegna a domicilio per le attività di ristorazione fino alle 22. In tutte le aree resta il divieto di asporto per le attività dei bar (codice ATECO 56.3) dopo le 18, come per gli altri esercizi commerciali della stessa tipologia. In zona rossa le attività commerciali al dettaglio sono sospese, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 23 del Dpcm. Chiusi i mercati. Vietati gli sport di contatto. Consentita invece l’attività motoria individuale all’aperto.

Related posts

Prevenzione anti-Covid, le Regioni corrono ai ripari: mascherine obbligatorie negli assembramenti

Redazione Ore 12

Bertolaso: “Nella provincia di Brescia di fronte alla terza ondata del contagio”

Redazione Ore 12

Campania rossa e Lombardia arancione, netto aumento dei ricoveri nelle terapie intensive

Redazione Ore 12