Economia e Lavoro

  Alitalia, licenziamenti per 2.668 lavoratori in Cig a zero ore

 

Alitalia ha comunicato l’avvio della procedura di licenziamento di 2.668 lavoratori in Cigs a zero ore. L’ex compagnia di bandiera, in una lettera inviata a governo e sindacati, datata primo dicembre 2023, ha annunciato la procedura di licenziamento per riduzione del personale. Nella lettera Alitalia annuncia “l’avvio di una procedura che determina, suo malgrado, licenziamenti per riduzione di personale”, dei 2668 lavoratori sospesi in Cigs a zero ore. “La scrivente – si legge nella missiva – è impossibilitata al reimpiego dei lavoratori attualmente sospesi in cassa integrazione”.  “Il Governo intervenga subito affinché i circa 3000 lavoratori di Alitalia non vengano abbandonati al loro destino”. Così il segretario generale Claudio Tarlazzi e il segretario nazionale Ivan Viglietti della Uiltrasporti commentano la notizia delle lettere di licenziamento ricevute dalle lavoratrici e dai lavoratori di Alitalia e Cityliner nell’ambito della procedura di liquidazione dell’azienda. “Il Decreto Asset – dichiarano i due segretari – ha fissato per questi lavoratori il termine per fruire della cassa integrazione al 30 ottobre 2024, quindi dal giorno successivo si pone il problema della ricollocazione di questi lavoratori che rappresentano un patrimonio importante per il settore del trasporto aereo del nostro Paese, un settore che sta vivendo uno sviluppo importante avendo raggiunto i livello pre covid”. “Chiediamo che i 3000 lavoratori vengano ricollocati nelle tre aziende nate dallo spacchettamento di Alitalia o in altre aziende del settore, a seguito di una adeguata formazione che consenta anche il mantenimento delle certificazioni, una misura questa che era già stata prevista e che non ha invece avuto mai applicazione. In alternativa – concludono Tarlazzi e Viglietti – riteniamo necessario che venga allungato il periodo di cassa integrazione per tutto il 2025, come avevamo già richiesto”.  Poi la Cgil: “Il Governo fermi immediatamente i licenziamenti e proroghi la cassa integrazione per tutto il 2024 e anche per il 2025 fino a quando non verranno ricollocati in servizio tutti i lavoratori e le lavoratrici di Alitalia in amministrazione straordinaria. Sono richieste che abbiamo già fatto al Governo Meloni ed anche al precedente Governo”. Così Fabrizio Cuscito, segretario nazionale e coordinatore nazionale Trasporto aereo Filt-Cgil. “Considerando la crescita del settore che si è registrata nell’ultimo anno, questa proroga è essenziale per consentire alle società (Ita, Swissport, Atitech) che hanno ereditato gli asset di Alitalia di riassorbire tutti i lavoratori e le lavoratrici attualmente in cigs che non dovessero maturare i requisiti pensionistici. Queste sono le richieste che ribadiremo al tavolo di trattativa per l’esame della procedura di licenziamento, oltre alla richiesta di immediata rimozione degli strumenti introdotti dal Governo che hanno abbassato gli assegni percepiti dai lavoratori di Alitalia in cigs a partire dal 2024”, conclude Cuscito.

Related posts

  Pensioni, il futuro è da incubo

Redazione Ore 12

Bollette: arriva sulle tavole un aggravio da 650 euro a famiglia

Redazione Ore 12

Studio Confesercenti: “Mantenendo le misure su bollette e carburanti possibile recuperare 10 miliardi di consumi ed evitare la recessione”

Redazione Ore 12