La guerra di Putin

Dopo il nullaosta americano solo il 16% del territorio russo resta intoccabile agli attacchi ucraini

 

Il limitato nullaosta della Casa Bianca a Kiev sull’utilizzo delle armi statunitensi in Russia ha ridotto solo del 16% il “territorio intoccabile” della Federazione: lo scrive l’Istituto per lo studio della guerra (Isw). “La politica statunitense – secondo gli analisti del centro studi statunitense – preserva ancora almeno l’84% del territorio russo, territorio all’interno del raggio d’azione dei missili Atacms ucraini”. Secondo il think tank, “la politica statunitense che limita l’uso da parte dell’Ucraina delle armi fornite dagli Stati Uniti ha di fatto creato un vasto santuario… – che la Russia sfrutta per proteggere le sue forze combattenti, il suo comando e controllo, la sua logistica e il supporto nelle retrovie che l’esercito russo utilizza per condurre le sue operazioni militari in Ucraina”. “La politica statunitense protegge ancora la stragrande maggioranza delle retrovie operative e delle retrovie in profondità della Russia”, – sottolinea l’Isw.

aggiornamento la crisi russo-ucraina ore 12.09

Related posts

Ucraina, Kirby (Sicurezza Nazionale Usa): “La Corea del Nord ha dato armi alla Russia” 

Redazione Ore 12

Russia, Ministro Difesa propone aumento età della coscrizione dei cittadini dai 18 ai 21 anni di Giuliano Longo Il capo del ministero della Difesa russo, Sergei Shoigu, in una riunione allargata del consiglio di amministrazione del dipartimento, ha proposto di aumentare a 30 anni il limite di età per i cittadini che possono essere arruolati nelle truppe. Secondo il ministro, quando si reclutano le Forze armate (AF) della Federazione Russa, è necessario aumentare gradualmente l’età della coscrizione dei cittadini da 18 a 21 anni con un limite di 30 anni. Ha sottolineato che è necessario garantire la possibilità, su richiesta dei cittadini, di entrare nel servizio militare con un contratto dal primo giorno di entrata in servizio. Inoltre ha sottolineato che è necessario garantire la possibilità, su richiesta dei cittadini, di entrare nel servizio militare con un contratto dal primo giorno di entrata in servizio. Shoigu ha anche chiesto la creazione di un raggruppamento di truppe nel nord-ovest della Russia, spiegando questa necessità con la necessità di contrastare l’espansione della NATO. Il raggruppamento avverrebbe con la creazione dei distretti militari di Mosca e Leningrado. Durante la riunione del consiglio , il capo del ministero della Difesa ha annunciato l’intenzione di continuare a condurre un’operazione militare speciale nel 2023 fino al completamento dei compiti. In una riunione del collegio del Ministero della Difesa , verranno riassunti i risultati delle attività delle Forze armate della Federazione Russa nel 2022 , nonché stabiliti i compiti per il prossimo anno. All’evento partecipano i comandi dei distretti militari, tutti i tipi e i rami delle truppe russe, i capi delle agenzie di comando e controllo militare centrale e i rappresentanti delle autorità esecutive federali. Inoltre, circa 15.000 ufficiali dell’esercito russo hanno partecipato all’incontro in videoconferenza.

Redazione Ore 12

Zelensky in pressing su Londra “Può essere apripista per gli aerei da guerra”

Redazione Ore 12