Covid

Il Covid ha rovinato anche la memoria: buchi sul lockdown

I partecipanti a uno studio condotto da un team di esperti dell’Università di Aberdeen, nel Regno Unito, e basato su un questionario, hanno commesso un numero relativamente elevato di errori quando sono stati invitati a ricostruire il momento in cui si sono verificati eventi importanti avvenuti nel 2021, fornendo nuove intuizioni su come i lockdown dovuti al Covid-19 abbiano influenzato la percezione del tempo da parte delle persone. Daria Pawlak e Arash Sahraie hanno presentato queste scoperte in un articolo sulla rivista “Plos One”. Gli esperti rilevano, in primo luogo, che ricordare quando sono avvenuti eventi passati diventa più difficile man mano che passa più tempo. Ma l’isolamento sociale derivante dai lockdown dovuti al Covid-19 ha influenzato significativamente in maniera ancor più incisiva le attività e le emozioni delle persone, e ricerche precedenti hanno mostrato che la pandemia ha causato distorsioni nella percezione del tempo. Ispirati a quegli studi e a rapporti clinici secondo cui i pazienti sono diventati meno capaci di riferire tempi accurati delle loro condizioni mediche, Pawlak e Sahraie hanno deciso di approfondire la comprensione dell’impatto della pandemia sulla percezione del tempo. Nel maggio 2022, i ricercatori hanno condotto un sondaggio online in cui hanno chiesto a 277 partecipanti di indicare l’anno in cui sono avvenuti diversi eventi recenti di rilievo, come la Brexit o l’ingresso di Meghan Markle nella famiglia reale britannica. I partecipanti hanno anche completato valutazioni standard per fattori legati alla salute mentale, tra cui livelli di noia, depressione e resilienza. Come previsto, la memoria dei partecipanti per gli eventi avvenuti più nel passato era meno accurata. Tuttavia, la loro percezione del momento in cui si sono verificati eventi nel 2021, un anno prima del sondaggio, era altrettanto inesatta rispetto agli eventi avvenuti tre o quattro anni prima. In altre parole, molti partecipanti hanno avuto difficoltà a ricordare il momento in cui sono avvenuti eventi coincidenti con i lockdown dovuti al Covid-19. Inoltre, quanti hanno commesso più errori nella ricostruzione temporale degli eventi, erano anche più inclini a mostrare livelli più elevati di depressione, ansia e richieste mentali e fisiche durante la pandemia, ma avevano meno resilienza. Queste scoperte sono simili a quelle riportate in precedenza per i detenuti in carcere. Gli autori hanno aggiunto: “Il nostro documento riporta i tempi alterati durante la pandemia. Le restrizioni imposte durante la pandemia hanno impoverito il nostro orizzonte temporale, condizionando la percezione delle tempistiche degli eventi. Possiamo ricordare che gli eventi sono accaduti, semplicemente non ricordiamo quando”.

Related posts

Allarme di De Luca (Campania): “Forte ripresa dei contagi. Colpevoli scuole e movida”

Redazione Ore 12

L’auspicio di Speranza: “Nuovo vaccino per le varianti in autunno”

Redazione Ore 12

Abrignani (Cts): “Omicron variante esplosiva. Obbligo vaccinale se non ora quando?”

Redazione Ore 12