Economia e Lavoro

La Commissione Ue ritocca al rialzo il Pil dell’Italia: “Crescita dello 0,9%”

La Commissione europea rivede al rialzo le attese sulla crescita dell’economia in Italia quest’anno: prevede un Pil in crescita dello 0,9% (era +0,7% nelle precedenti previsioni). Limate le attese sul 2025 che sono ora di una crescita del Pil dell’1,1% (erano dell’1,2%). E’ quanto emerge nelle previsioni di primavera dell’esecutivo comunitario.
La Commissione europea si attende inoltre che il rapporto del debito pubblico sul prodotto interno lordo dell’Italia dopo il 137,3% del 2023, salirà al 138,6% nel 2024 e al 141,7% nel 2025.  Per quanto riguarda invece il rapporto del deficit sul prodotto interno lordo dell’Italia, dopo il 7,4% del 2023, scenderà al 4,4% nel 2024, per risalire al 4,7% nel 2025. E’ quanto emerge dalle previsioni di primavera dell’esecutivo comunitario. .

Tre mesi fa l`esecutivo comunitario stimavo una crescita 2024 allo 0,7% e un più 1,2% per il 2025. Il 2023 si è chiuso con un più 0,9% rispetto al più 0,6% delle previsioni invernali.Quanto al rapporto deficit-Pil, dopo il 7,4% cui si era ridotto nel 2023, la previsione è che il dato si attenui al 4,4% quest`anno, ma che torni a salire al 4,7% nel 2025. Per il rapporto debito/Pil, dopo il calo al 137,3% del 2023, ora l`esecutivo comunitario si attende un aumento al 138,6% nel 2024 e al 141,7% nel 2025. Nel 2022 questo valore aveva segnato 140,5%. Riviste al ribasso le previsioni di inflazione: ora si attende una crescita dei prezzi al consumo sulla media di quest`anno dell`1,6% e un più 1,9% nel 2025, a fronte del fato di tre mesi fa quando l`esecutivo comunitario prevedeva un`inflazione 2024 al 2% e un 2,3% nel 2025. Sul fronte del mercato del lavoro le prospettive restano positive: la Commissione europea prevede che dopo il calo al 7,7% dello scorso anno la disoccupazione media nella Penisola continui a ridursi al 7,5% nel 2024 e al 7,3% nel 2025. L`occupazione, dopo il più 1,8% del 2023 dovrebbe salire di uno 0,8% quest`anno e di uno 0,4% il prossimo. Nel complesso dell’Eurozona si conferma la previsione di crescita economica allo 0,8% quest`anno, mentre è stata limata all`1,4% l`attesa di espansione sul 2025. Tre mesi fa l`esecutivo comunitario indicava una crescita all`1,5% per il prossimo anno nell`Unione valutaria.

Anche per l’area euro sono riviste al ribasso le previsioni di inflazione: dopo il 5,4% del 2023 dovrebbe rallentare al 2,5% sulla media di quest`anno e al 2,1% nel 2025. Tre mesi fa l`esecutivo comunitario indicava una inflazione media 2024 al 2,7% e un 2,2% sul prossimo anno.

L`obiettivo della Bce è una inflazione al 2%. È ampiamente atteso un primo taglio dei tassi di interesse da parte dell`istituzione monetaria al consiglio direttivo del 6 giugno.

Related posts

L’opinione – Osservazioni sui provvedimenti su pos e contante

Redazione Ore 12

Giornata di protesta di grande distribuzione ed esercenti, per 24 ore stop ai buoni pasto

Redazione Ore 12

Nuovi mutui, tassi record (4,92%). Il monitoraggio della Banca d’Italia

Redazione Ore 12