Cronaca

La sorella di Giulia Cecchettin contro Salvini: “Dubita di Turetta? Violenza di Stato”

“Ministro dei Trasporti che dubita della colpevolezza di Turetta. Perché bianco, perché ‘di buona famiglia’. Anche questa è violenza, violenza di Stato”. Lo scrive in una storia su Instagram Elena Cecchettin, sorella di Giulia, riferendosi a un commento su X di Matteo Salvini a proposito dell’arresto di Filoppo Turetta in Germania (“Se colpevole, nessuno sconto di pena e carcere a vita”). Nella storia, Elena riprende una frase della scrittrice a attivista Carlotta Vagnoli messa in un post in cui si dice che Salvini è “ministro il cui partito (la Lega, ndr.) insieme a FdI, che però ha scelto l’astensione, a maggio ha votato contrariamente alla ratificazione della convenzione di Istanbul”.  La storia si conclude con queste parole: “Così nel caso voleste altri motivi per comprendere quanto il femminicidio sia un omicidio di Stato”. In una precedente storia sempre su Instagram, Elena Cecchettin aveva scritto: “Io non starò mai zitta. Non mi farete mai tacere”.

Related posts

Articoli contraffatti e non sicuri, maxi-sequestro a Napoli di un milione e 600mila pezzi

Redazione Ore 12

Intensi flussi di immigrazione straniera, in lieve ripresa mobilità interna ed espatri

Redazione Ore 12

Il grande caldo soffoca l’Italia. Temperature da record fino a dopo Ferragosto

Redazione Ore 12