Politica

Lollobrigida: “L’antifascismo ha portato a morti, termine troppo generico”

 

Il termine “antifascismo” è “troppo generico” e “purtroppo ha portato in tanti anni a morti”. Ed è “difficilmente rappresentativo di tutti” perché “la violenza perpetrata anche in questi giorni da chi si dichiara ‘antifa’ e gira l’Europa a sprangare gente o nelle università che impedisce lo svolgimento delle sedute del Senato Accademico non ci appartiene”. Lo ha detto il ministro delle Politiche agricole Francesco Lollobrigida, ospite a ‘In Mezz’Ora’ su Rai Tre. “La Costituzione è il valore fondante di chi è antitotalitario e quindi antifascista nei fatti. La parola antifascista purtroppo ha portato in tanti anni a morti”, ha proseguito Lollobrigida, che ha ricordato come “tra qualche giorno sarà l’anniversario di Sergio Ramelli, un ragazzo ucciso a 17 anni perché aveva fatto un tema contro le brigate rosse nel 1975. Venne sprangato dagli antifascisti. Il termine” antifascismo, quindi, “è troppo generico, preferisco rifarmi alla Costituzione italiana che è strutturalmente antifascista e sulla quale ho giurato”.

Dire

aggiornamento caso Scurati ore 13.46

Related posts

Cartabia (Giustizia): “A S.M. Capua Vetere fatti che reclamano un’indagine ampia”

Redazione Ore 12

Elezioni, Tajani: “Quando il centrodestra è unito ottiene risultati, siamo ottimisti per il futuro”

Redazione Ore 12

Dl Aiuti, M5S non voterà fiducia. Conte: al Senato “non parteciperemo al voto”. Ma si continua a trattare

Redazione Ore 12