Primo piano

PeaceLink sull’uccisione a Gaza dei sette operatori umanitari della ONG WCK

  

Comunicato di PeaceLink sull’uccisione a Gaza dei sette operatori umanitari della ONG WCK da parte dell’esercito israeliano 

In relazione alla tragica strage degli operatori umanitari a Gaza, PeaceLink esprime profondo dolore e sdegno. Ogni vita persa è una perdita irreparabile, e condanniamo fermamente qualsiasi atto di violenza che minacci la sicurezza e la dignità umana. Va fermata la spirale infinita e insensata di violenza e di ritorsione. Ma quello che è avvenuto non ha nulla a che fare con la lotta al terrorismo e come pacifisti non possiamo rimanere in silenzio di fronte ad atti così abominevoli, tenuto anche conto che i soldati israeliani erano stati informati di tutti i movimenti della ONG che distribuiva cibo ai palestinesi.

Non possiamo non rilevare l’ipocrita condotta dell’amministrazione Biden che si dichiara “affranta” per la strage e poi si appresta a fornire nuove munizioni a Israele più 50 nuovi aerei da guerra. Chiediamo con fermezza che venga fermata ogni forma di rapporto militare con chi compia simili atti di barbarie. Ogni collaborazione militare con Israele e con l’industria bellica israeliana va fermata, compreso l’acquisto di droni sottomarini in discussione attualmente nel nostro Parlamento e destinati alla Marina Militare Italiana (*).

Come pacifisti riteniamo importante promuovere il dialogo e il rispetto dei diritti umani e soprattutto la collaborazione con i pacifisti israeliani. Solo attraverso un impegno collettivo per la pace e la cooperazione possiamo sperare di porre fine a tale violenza e garantire un futuro migliore per tutte le persone coinvolte. Ma questo deve avvenire nella chiarezza e nella buona fede, ponendo fine alla politica del “double standard” che consente in questi casi di cavarsela con espressioni retoriche di “sgomento” di fronte alle stragi israeliane per poi continuare a collaborare militarmente con Israele.

(*) La Marina Militare Italiana avvia la cooperazione con l’industria israeliana per il programma bellico di droni sottomarini “Blue Whale”

 

aggiornamento attacco agli operatori umanitari ore 14.09

Related posts

Sono oltre 5 milioni e mezzo gli italiani residenti all’estero e la migrazione non si è mai arrestata

Redazione Ore 12

Hamas rompe la tregua, razzi contro Israele. Attacchi aerei di Tel Aviv su Gaza

Redazione Ore 12

Gaza, all’orrore si aggiunge orrore. Demolito anche un cimitero

Redazione Ore 12