Roma Capitale

ROMA NON DIMENTICA. FIACCOLATA A 30 ANNI DAGLI ATTENTATI DI SAN GIOVANNI IN LATERANO E SAN GIORGIO IN VELABRO

Venerdì 28 luglio, alle ore 00.04, partenza in San Giovanni in Laterano promossa da Libera, Roma Capitale e Diocesi di Roma

Una fiaccolata per non dimenticare. Una fiaccolata di memoria e impegno nel trentesimo anniversario degli attentati mafiosi alle chiese di San Giovanni in Laterano e San Giorgio in Velabro, nella notte tra il 27 e il 28 luglio del 1993. Appuntamento venerdì 28 luglio, alle ore 00:04, con partenza San Giovanni in Laterano e arrivo a piazza San Giorgio al Velabro promossa da Libera, Roma Capitale e Diocesi di Roma e in collaborazione con l’associazionismo, sindacati, studenti e le forze sociali e istituzionali.

Una fiaccolata per ricordare quel mercoledì 28 luglio di trent’anni fa quando alle ore 00:04 un’auto-bomba, collocata nell’angolo tra il Palazzo Lateranense e la testata del transetto della basilica di San Giovanni, esplodeva, seminando distruzione e rovina. L’effetto dell’esplosione raggiunse il palazzo d’abitazione annesso alla Basilica, il Battistero di San Giovanni in Fonte, la Canonica capitolare, alcuni palazzi annessi all’Università Lateranense, l’Ospedale di San Giovanni. A pochi minuti di distanza, alle ore 00:08, una seconda auto-bomba esplodeva davanti alla facciata della chiesa di San Giorgio in Velabro, provocando ingenti danni che causarono la chiusura della chiesa per tre anni. Gli attentati mafiosi causarono 22 feriti. Un attacco allo Stato, un attacco alla Chiesa. Un progetto mafioso di destabilizzazione del funzionamento delle Istituzioni democratiche e della vita civile del Paese.

Una risposta all’invettiva contro i mafiosi pronunciata di Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi ad Agrigento, il 9 maggio del 1993, che anticipava le parole “definitive” di “scomunica” dei mafiosi da parte di Papa Francesco nella Piana di Sibari nel giugno 2104.

Insieme, il 28 luglio per una fiaccolata di memoria e impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie per dire Roma non dimentica e per rilanciarela lotta alla mafia che uccide la speranza, semina terrore, ruba il nostro futuro e per valorizzare l’opera di tante realtà, laiche e cattoliche, istituzionali e associative, impegnate per il bene comune, per la dignità e la libertà delle persone.

Related posts

FURTI IN ABITAZIONE – LA PROCURA DI ROMA DISPONE IL FERMO PER 2 UOMINI, DI ETNIA ROM, GRAVEMENTE INDIZIATI DI FURTI IN ABITAZIONE PERPRETATI NEL QUARTIERE “PARIOLI” DI ROMA, NEL MESE DI APRILE 2024.

Redazione Ore 12

Senza sosta l’assedio dei Carabinieri alle piazze dello spaccio di Tor Bella Monaca. Ancora arresti e sequestri

Redazione Ore 12

RIFIUTI, TRABUCCO- FERRARO -LANCELLOTTI (CG): OTTIMA GESTIONE DEL PERIODO NATALIZIO

Redazione Ore 12