Cronaca

Giovane skipper muore nell’incendio di una barca a vela a Castellammare di Stabia

Aveva trascorso due mesi di navigazione alle Isole Eolie in barca a vela con un piccolo equipaggio e, dopo la sua avventura in mare, era appena approdata nel porto di Marina di Stabia, a Castellammare di Stabia (Napoli). E’ lì che la barca su cui dormiva ha preso fuoco. E’ morta così, nel sonno, la skipper Giulia Maccaroni, 29 anni, di San Vito Romano (Roma), mentre riposava sottocoperta. La barca a vela, di manifattura inglese ma gestita dalla società Vela Charter di Gragnano, del 1990, era appena rientrata da una crociera di cinque settimane nelle isole Eolie. La hostess, stanca, aveva detto agli amici di volersi trattenere a bordo per la notte prima di fare rientro a casa. Poi il rogo, sul quale la Procura di Torre Annunziata ha aperto un’inchiesta. Dolore e incredulità nel Paese d’origine della giovane donna. L’atroce scomparsa di Giulia Maccaroni ha suscitato profondo dolore in tutta la comunità di San Vito Romano, poco più di tremila anime nella zona dei monti Prenestini, in provincia di Roma. Il sindaco Maurizio Pasquali la ricorda così: “Era una persona stupenda, bella fuori, ma ancor più bella dentro. Aveva sofferto per la morte del padre che aveva seguito con amore e dedizione. Nel mare aveva trovato il suo mondo. Tutti le volevano bene. Tutto il paese è in lutto. E quando conosceremo la data dei funerali, le renderemo onore come merita”.

Related posts

Cina, Rojc (Pd): “Ambasciatore non risponde su porto Trieste e Balcani”

Redazione Ore 12

Il piccolo Nicola è tornato a Casa. Dimesso dall’ospedale Meyer di Firenze

Redazione Ore 12

La Ferrovia delle meraviglie Cuneo-Nizza luogo del Fai più votato

Redazione Ore 12