Politica

Ddl diffamazione, Fnsi: «Il carcere per i giornalisti è una misura incivile»

La segretaria generale Alessandra Costante sugli emendamenti presentati in commissione Giustizia dal senatore di FdI Gianni Berrino: «L’auspicio è che in Parlamento anche pezzi della maggioranza sappiano reagire di fronte a questo ennesimo sfregio all’articolo 21 della Costituzione». Usigrai: «Un altro attacco alla libertà di stampa».

 

«Gli emendamenti presentati in commissione Giustizia dal senatore di FdI Gianni Berrino al ddl Diffamazione dimostrano che qualcuno non ha capito molto delle sentenze della Corte costituzionale in materia. Il carcere per i giornalisti è un provvedimento incivile e denota la paura di questo governo nei confronti della libertà di stampa. Questa è l’orbanizzazione del Paese». Lo afferma Alessandra Costante, segretaria generale della Fnsi.

«Parlare di carcere in caso di quella che viene considerata ‘diffamazione grave’ – prosegue – significa voler mettere il silenziatore a molte inchieste giornalistiche. Appare, inoltre, del tutto pretestuosa e funzionale a un disegno liberticida la confusione tra fake news e diffamazione a mezzo stampa. Con queste norme faremo un altro salto indietro nelle classifiche internazionali sulla libertà di informazione. L’auspicio è che in Parlamento anche pezzi della maggioranza sappiano reagire di fronte a questo ennesimo sfregio all’articolo 21 della Costituzione».

Related posts

Il Movimento 5 Stelle tenta di ripartire da Conte

Redazione Ore 12

Dl Aiuti, il Governo cambia e il Bonus da 200 euro arriva anche ai percettori di Rdc

Redazione Ore 12

Migranti, Crosetto: “Tema Ong chiave per aprire dibattito in Ue”

Redazione Ore 12