Cultura, Arte e Libri

L’Arte Dell’Effimero: Quando l’Emozione Distrutta Diventa Creazione

 

Nella cornice dell’evento Visionary AI, tenutosi recentemente grazie all’iniziativa di LazioInnova promossa da Laura Tassinari, direttrice IC LazioInnova, e con gli interventi di : 

Francesco Marcolini, presidente LazioInnova; Simona Amendola, Innovation Manager IC LazioInnova;

 l’azienda ciociara Think and Build, nelle persone di Marcello Trento, Leonardo Magliocca e Raffaele Chiappini, ha fatto vibrare le corde dell’emozione e della creatività con un progetto che ha lasciato il pubblico stupefatto.

L’evento, volto a promuovere sinergie tra artisti e esperti del settore ICT, ha offerto una piattaforma perfetta per la presentazione di idee innovative. È stato in questo contesto che Think and Build, insieme all’associazione Amici dell’Arte, ha scagliato una sfida all’effimero, incanalando emozioni e distruzione per dare vita a qualcosa di nuovo.

Un quadro creato da un artista locale, Leonardo Magliocca, esibito di fronte agli spettatori, per poi essere deliberatamente distrutto sotto gli occhi increduli dell’assemblea. Ciò che segue è un viaggio sorprendente nel mondo delle emozioni umane, catturate e analizzate in tempo reale da sofisticati strumenti tecnologici.

Grazie a occhiali smart, le reazioni del pubblico sono state immortalate e inviate ad un software in grado di analizzare le sfumature delle emozioni umane. I dati così raccolti hanno poi alimentato un’intelligenza artificiale creativa, la quale ha dato vita a un’opera unica, un’essenza cristallizzata delle emozioni sprigionate dalla performance dell’artista.

In soli 120 secondi, si è assistito a un ciclo completo: dalla nascita, attraverso la distruzione, fino alla rinascita in una nuova forma artistica. L’arte dell’effimero ha preso forma davanti agli occhi del pubblico, lasciando dietro di sé una domanda eterea sulla proprietà dell’opera stessa: : “A chi appartengono i diritti di quest’opera?”

Questo audace progetto pone in luce un nuovo modo di concepire l’arte, unendo tecnologia e creatività per esplorare le profondità delle emozioni umane attraverso un’esperienza artistica.

Nel contesto più ampio dell’evento Visionary AI, questo progetto ha evidenziato l’intersezione tra arte e tecnologia, aprendo nuove strade per la creatività e offrendo spunti di riflessione sulle connessioni sottili tra distruzione ed evoluzione artistica.

Un’esperienza che, seppur effimera, ha lasciato un’impronta indelebile nella mente degli spettatori, sottolineando il potere dell’arte nel suscitare e reinterpretare emozioni.

Related posts

Danza, Roma: al Teatro Vascello coreografie internazionali con il Daf

Redazione Ore 12

Torino: al Teatro Gobetti Ettore Bassi porta in scena “Il Mercante di Luce” di Roberto Vecchioni 

Redazione Ore 12

Più libri, più liberi, torna alla Nuvola Bookciak legge

Redazione Ore 12