Politica

Messina: Ponte sullo Stretto, si parte dai procedimenti per gli espropri ed è già polemica

 

 

E’ stato pubblicato sui giornali nazionali e su quelli di Calabria e Sicilia l’avviso “volto all’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e alla dichiarazione di pubblica utilità, che sarà sancita con l’approvazione del progetto definitivo del Ponte sullo Stretto di Messina da parte del Cipess”.

E’ quanto fa sapere, in una nota, l’Autorità Stretto di Messina.
Ma sui territori è già polemica, visto che alcune migliaia di persone contestano l’accelerazione e gli espropri che vedrebbero coinvolte alcune migliaia di persone che perderebbero le loro case ed i loro terreni.

La divulgazione dell’avviso, fa sapere comunque l’Autorità, è un “atto conseguente all’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione della Stretto di Messina dell’aggiornamento del progetto definitivo dell’opera, alla consegna degli elaborati progettuali ai ministeri e alle Autorità competenti e all’avvio della Conferenza di Servizi”.

Per assicurare la più ampia diffusione delle informazioni, l’Avviso, che include il Piano Particellare e l’Elenco delle Ditte proprietarie – sarà pubblicato anche sui siti web della Regione Calabria, della Regione Sicilia e dell’Autorità Stretto di Messina e sarà anche affisso agli Albi pretori dei comuni coinvolti nella realizzazione dell’intervento. La fase intermedia, legata alla pubblicazione dell’avviso, permetterà agli interessati di visionare la documentazione in merito al Piano espropri e fornire eventuali osservazioni.

L’Autorità dello Stretto aprirà “Sportelli informativi” a Messina e Villa San Giovanni, all’interno di appositi spazi messi a disposizione dai Comuni, in modo da dare tutto il supporto necessario per analizzare la documentazione.

Dall’8 aprile, e per i prossimi 60 giorni, i soggetti proprietari dei beni interessati dall’esproprio, potranno chiamare i numeri 06.85826210, 06.85826230 e 06.85826270 per prenotare un appuntamento agli Sportelli di Messina (presso il piano terra del Palacultura Sala Rappazzo, in Viale Boccetta 373, aperto lunedì dalle 15.00 alle 17.00, martedì e mercoledì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00, festivi esclusi) e Villa San Giovanni (presso l’ex sede della Prefettura, in via Nazionale Bolano 541, aperto giovedì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00 e venerdì dalle 9.00 alle 13.00, esclusi i festivi), in modo da avere l’apposita assitenza tecnica.

Related posts

L’ottimismo di Giorgia per il 2023: “Rimettiamo in piedi l’Italia, credeteci con me”

Redazione Ore 12

30 anni fa l’addio di Cossiga al Quirinale con le clamorose dimissioni

Redazione Ore 12

Mattarella al Meeting di Rimini: “Rispetto per le diversità, no ai nazionalismi. Patrianata dall’incontro di più etnie”

Redazione Ore 12