La guerra di Putin

Ucraina. Le forze armate russe si avvicinano a Kharkov

 

di Giuliano Longo

 

L’esercito russo ha preso il controllo di alcune zone della città Volchansk a meno di 50 chilometri da Kharkov,,lo ha riferito a Channel One il capo ucraino dell’amministrazione della regione  Vitaly Ganchev .

 

Secondo Ganchev “le forze armate ucraine resistono ancora sia nella città stessa che nelle zone di avvicinamento da est. … Ma allo stesso tempo, la parte occidentale, la parte settentrionale di Volchansk è già controllata dalle truppe russe”.

Secondo alcuni canali Telegram, nel centro della città sONO già in corso scontri.

Anche i media britannici ruiferiscono della situazione a Kharkov. L’edizione londinese di The Times scrive che il problema più urgente per gli ucraini è l’ offensiva dell’esercito russo su Volchansk, poiché “l’avanzata dal ponte nel villaggio di Bugrovatka nel distretto di Volchansky a sud lungo il fiume Seversky Donets complicherebbe la situazione. rifornimento di Kupjansk”.

La sera del 12 maggio, un media ucraino  indipendente ha diffuso la notizia secondo la quale “le truppe russe hanno preso il controllo della periferia settentrionale di Volchansk e hanno catturato una fabbrica di scarpe. L’attuale linea del fronte corre lungo Orlova Street” che si trova alla periferia nord della città.

 

Il 14 maggio, su molte mappe della battaglia, Volchansk, divisa nelle parti settentrionale e meridionale dal fiume Volchya, risultava già occupata al 30% del suo territorio.

Il capo dell’Oblast di Kharkov ha dichiarato che la cittadina sarebbe stata completamente distrutta, anche se questa notizia non viene confermata dai filmati di geolocalizzazione sia ucraini che russi.

 

Secondo il blogger ucraino Anatoly Shariy , Volchansk si è “tecnicamente arresa”, anche perché la città si trova in una pianura e le alture a nord-est sono occupate dalle forze armate russe.

 

Il corrispondente militare russo Boris Rozhin ha così  riferito della situazione sul capo  “la parte settentrionale della città è completamente passata sotto il nostro controllo e il settore occidentale viene ora sgomberato. Il liceo e l’asilo dove il nemico si era stabilito e aveva costruito una difesa sono stati sgomberati”.”.

La presunta assenza della prima linea di difesa delle forze armate ucraine lungo il confine è documentata dalla Ukrayinska Pravdache scrive  “l’installazione di fortificazioni e attività minerarie nella regione di Kharkov viene effettuata costantemente. Solo nell’area dello sfondamento dell’esercito russo del 2024, le unità del genio e dei genieri delle Forze di supporto hanno installato decine di migliaia di mine”

Un blogger militare dell’Independent ucraino, scrive che dopo l’arrivo a Kiev del segretario di Stato americano Blinken “le forze armate ucraine saranno costrette a lasciare Volchansk entro la fine della settimana”,poiché il comandante in capo  Syrskynon intende  trasferire riserve dal fronte orientale e cerca di impegnare l’esercito russo con un equipaggiamento minimo, in mancanza di manodopera.

 

Charles Brown , capo di stato maggiore degli Stati Uniti,  considera la caduta di Volchansk una perdita insignificante per l’Ucraina, ma in soli 4giorni di combattimenti i russi hanno occupato 12 insediamenti.

Ricordiamo che Volchansk è divisa in due parti dal fiume Volchya nella parte settentrionale e meridionale. I russi stanno ora prendendo d’assalto quello settentrionale, dopodiché attaccheranno quello meridionale.

 

La cattura di Volchansk consentirebbe  di raggiungere la parte posteriore del gruppo Kupyansk delle Forze armate ucraine senza affrontarlo frontalmente.

 

Alla luce della recente situazione sul fronte ed in coincidenza con la visità del segretario di stato americano Blinken a Kiev, Zelnsky  sta cercando di ottenere da Washington, oltre ad altre batterie di missili Patriot, l’autorizzazione ad attaccare il territorio russo con missili a lunga gittata americani. 

Come riferisce il quotidiano della catena Bild POLITICO,  un gruppo di parlamentari ucraini si trova già negli Stati Uniti e sta cercando di ottenere l’appoggio del Congresso sulla questione.

 

L’’argomentazione principale di Kiev è che, non potendo colpire con armi americane il territorio russo, le forze armate ucraine non sarebbero riuscite a impedire l’offensiva dei russi a  Kharkov.

POLITICO, citando il capo del partito ucraino al governo  “Servo del popolo”, D. Arakhamia, scrive che il comando ucraino ha osservato per diverse settimane i preparativi dell’esercito russo per l’offensiva in corso, ma non ha potuto fare nulla a causa delle restrizioni di Washington. Ora i parlamentari insisteranno per revocare il divieto di utilizzo di armi americane sul territorio russo.

 

Tuttavia diversi funzionari statunitensi hanno dichiarato ai giornalisti che la politica dell’amministrazione Biden rimane invariata.La Casa Bianca sottolinea che le armi vengono fornite a Kiev per la difesa e non per operazioni offensive.

Tuttavia quando si parla del divieto di colpire il territorio russo, Washington e l’Occidente non considerano tali gli oblast occupati da Mosca compresa la Crimea. Solo ieri sera missili americani ATACMS sono stati lanciati verso la penisola, mentre missili britannici e francesi varcano regolarmente i confini.

Related posts

Mosca, scenari da incubo sul proseguimento del conflitto ucraino

Redazione Ore 12

Zelensky ottimista: “Ci aspettiamo nuove sanzioni e altro sostegno Ue”

Redazione Ore 12

Generale ucraino: la caduta di Chasiv Yar è questione di tempo

Redazione Ore 12