Esteri

Mosca, saranno 4 i candidati alle prossime elezioni presidenziali in Russia

Per la prima volta dal 2008 ci saranno solo 4 i candidatial ballottaggio per le elezioni presidenziali in Russia: Leonid Slutskydel Partito Liberal Democratico della Russia (LDPR), Vladislav Davankovdi New People,Nikolay Kharitonovdel Partito Comunista della Federazione Russa (KPRF) e il presidente russo in caricaVladimir Putin. Per quanto riguarda i 3 sfidanti  siedono tutti in Parlamento e sono ufficialmente di opposizione, ma di fatto non hanno mai ostacolato le politiche del Cremlino.

Il periodo di nomina per i candidati dei partiti era tra l’8 dicembre e il 1° gennaio, mentre per i candidati autodesignati terminava il 27 dicembre. Il 28 dicembre, la presidente della Commissione elettorale centrale russaElla Pamfilova ha dichiarato che un totale di 33 persone,inclusi nove candidati di partiti e 24 candidati indipendenti, programmati per candidarsi alla presidenza russa il prossimo anno.Solo 15di loro alla fine hanno presentato i documenti necessari per essere registrati .

Quando il termine per la presentazione dei documenti è scaduto il 1° gennaio, in corsa erano rimasti solo11 candidati: tre candidati autonominati – il presidente in carica Vladimir Putin, i blogger Rada Russkikh e Anatoly Batashev, e 8 candidati dei partiti politici – Leonid Slutsky (LDPR ), Nikolai Kharitonov (KPRF), Vladislav Davankov (Popolo Nuovo), Sergey Baburin (Unione popolare russa), Andrey Bogdanov (Partito russo di Libertà e Giustizia), Boris Nadezhdin (Iniziativa civica), Sergey Malinkovich (Comunisti di Russia) e Irina Sviridova (Partito Democratico Russo).

Fra gli esclusi l’unico a rappresentare una forte opposizione a Putin e radicalmente contrario alla guerra in Ucriana eraBoris Nadezhdin,di cui tutta la stampa occidentale e ORE 12 hanno scritto.

Slutsky e Davankov sono stati i primi candidati registrati il 9 gennaio. Kharitonov si è unito a loro il 9 gennaio. Tutti loro sono membri dei partiti rappresentati nella camera bassa del parlamento russo – CPRF, LDPR e Nuovo Popolo – e quindi non hanno dovuto raccogliere firme. .

Altri candidati hanno iniziato a presentare raccolte di firme e documenti di registrazione dopo il 22 gennaio, con scadenza il 31 gennaio. A quel punto, i candidati avrebbero dovuto presentare 300.000 firme a loro sostegno, mentre i candidati di partiti esterni al parlamento –100.000 firme.

Putin, i cui attivisti elettorali hanno raccolto oltre 3,5 milioni di firme a sostegno, ha ricevuto lo status di candidato il 29 gennaio. Il suo team elettorale ha consegnato 315.000 firme alla Commissione elettorale centrale il 22 gennaio. Delle 60.000 firme selezionate per un controllo, solo lo 0,15% sono stati ritenuti non validi.

Prima della scadenza del 31 gennaio, tre candidati – Baburin, Sviridova e Bogdanov – si sono ritirati dalla corsa.

L’8 febbraio, la CEC ha rifiutato di registrare il candidato alla presidenza Sergey Malinkovich del partito Comunisti di Russia e Boris Nadezhdin del partito Iniziativa Civica, citando un’alta percentuale di firme non validepresentate a loro sostegno. La percentuale era superiore al 5% consentito (14,9% per Malinkovich e 15,2% per Nadezhdin).

Dopo che gli è stato negato un posto nel ballottaggio, Nadezhdin ha annunciato la sua intenzione di ricorrere in appello contro questa decisione alla Corte Suprema russa. Inoltre, ai blogger autoproclamati Rada Russkikh e Anatoly Batashev è stato negato il diritto di candidarsi perché non sono riusciti a raccogliere il numero richiesto di firmatari e non avevano alcuni documenti.

Per quanto riguarda i candidati accettati dalla CommissionePutin, 71 anni, è il presidente in carica della Russia. Sarà la sua quinta elezione presidenziale tenero il suo miglior risultato nel 2018, con il 76,69% dei voti.

Davankov, 39 anni, è diventato il primo candidato presidenziale del partito New People (moderato). Ne è membro dal 2020 e attualmente ricopre la carica di vicepresidente della Duma di Stato(camera bassa del parlamento) e di primo vicepresidente della fazione del Nuovo Partito. Ha partecipato alle elezioni del 2023 per il sindaco di Mosca e si è classificato quarto, raccogliendo il 5,34% dei voti.

Slutsky, 56 anni,guida il partitoLDPR (liberal democratico di estrema destra)dal maggio 2022. È presidente della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato ed è diventato il terzo candidato presidenziale nella storia del suo partito. In precedenza, il partito aveva nominato i suoi fondatori Vladimir Zhirinovsky (nel 1991, 1996, 2000, 2008, 2012 e 2018) e Oleg Malyshkin (2004).

Kharitonov, 75 anni, (partito comunista della Federazione russa) è stato membro di tutte e otto le convocazioni della Duma di Stato russa. Sarà la sua seconda elezione presidenziale. 20 anni fa arrivò secondo nella corsa presidenziale, ottenendo il 13,69% dei voti. In precedenza, il CPRF aveva designato come candidati presidenziali il suo leader Gennady Zyuganov (1996, 2000, 2008 e 2012) e Pavel Grudinin (2018).

Related posts

Al via Milan 2024, la grande esercitazione militare internazionale promossa dall’India 

Redazione Ore 12

Disastro ambientale al largo dello Sri Lanka. Chiesto l’aiuto all’India ed alla Comunità internazionale

Redazione Ore 12

Il Portogallo ‘investe’ sul premier socialista Costa che vince le elezioni

Redazione Ore 12