La guerra di Putin

Ucraina, un nuovo disegno legge per rafforzare la mobilitazione e l’arruolamento

La leadership ucraina sta avviando una campagna di mobilitazione per ricostituire i ranghi dell’esercito  nel 2024 con una normativa aggiornata. Lo scorso gennaio il governo ha presentato al parlamento ucraino una nuova bozza di legge sulla mobilitazione, dopo due settimane dal ritiro della sua prima, controversa versione.

Rispetto alla normativa attuale, la nuova bozza introduce un periodo di servizio fisso (36 mesi), al termine del quale il militare può essere smobilitato; un’età minima più giovane per la descrizione (25 invece di 27); e ulteriori restrizioni che potrebbero essere imposte per i coscritti convocati che non si presentano ai centri di reclutamento.

“Questo disegno di legge definisce regole trasparenti per il processo di mobilitazione, nonché la necessaria regolamentazione dei diritti del personale militare e di coloro che sono responsabili del servizio militare”,ha affermato in una nota il ministero della Difesa ucraino.

La mobilitazione è  una questione chiave in Ucraina  che cerca di reclutare più uomini per rimpinguare i ranghi dopo le battaglie del 2023. La scorsa settimana diversi soldati hanno riferito al quotidiano  al Kyiv Independent  che la mancanza di manodopera nelle loro unità era “ catastrofica”.

Da quando  Zelenskyj ha affermato in una conferenza stampa di dicembre cheil comando militare aveva proposto di mobilitare da 450.000 a 500.000nuovi coscritti, nella società sono aumentate le tensioni su come sarà condotta questa mobilitazione nel 2024.

Pochi la dichiarazione del presidente, il governo ha presentato l’11 dicembre la prima versione della nuova legge sulla mobilitazione. Questa bozza iniziale ha suscitato polemiche, con funzionari ed esperti legali che hanno avvertito che questa contraddiceva la Costituzione e violava i diritti umani.

Il difensore civico per i diritti umaniDmytro Lubinetsha dichiarato icon un’intervista di gennaio ai media ucraini NV, che la bozza proposta dà più potere ai centri di reclutamento territoriale, che sono le unità militari che stipulano i contratti e che  secondo la Costituzione, ma non possono essere coinvolte nella limitazione dei diritti dei cittadini.

Il progetto di legge propone infatti una serie di “misure temporanee”per limitare i diritti dei coscritti o dei riservisti che non arrivano al centro entro 10 giorni dalla ricezione della convocazione.

Lubinets ha affermato che “non ha senso che un ufficiale militare (nei centri di reclutamento territoriale) possa decidere  che qualcuno non possavendere il proprio appartamento (una delle restrizioni proposte per coloro che evitano la leva)”.

Il progetto aggiornato afferma che i centri di reclutamento possono chiedere a un tribunale di imporre restrizioni al renitente alla leva finché non soddisfa i requisiti presso il centro di reclutamento.Tra i pochi motivi accettati per non presentarsi al centro figurano la malattia, circostanze che hanno reso impossibile l’arrivo o un lutto in famiglia.

​Il gennaio 30, a differenza della versione precedente, quella in discussione attualmente propone anche l’esenzione dal servizio militare per le persone affette da qualsiasi tipo di disabilità, mentre la versione precedente proponeva l’arruolamento di persone con disabilità più lievi. La nuova bozza propone inoltre per la prima volta la mobilitazione di agenti di polizia e pubblici ministeri.

La bozza propone anche di introdurre una formazione militare di base per tutti gli uomini di età inferiore a 25 anni – e una formazione facoltativa per le donne. Gli uomini di età compresa tra i 18 e i 24 anni possono scegliere quando sottoporsi all’addestramento militare, che non durerà più di cinque mesi e potranno mantenere il lavoro durante l’addestramento.

Il disegno di legge introduce anche un congedo per i prigionieri di guerra che ritornano dalla Russia che riceveranno 90 giorni di congedo retribuito prima di tornare in servizio.

Un’altra misura proposta si concentra sugli uomini ucraini residenti all’estero. Quando richiedono servizi consolari, come il rinnovo del passaporto, gli uomini in età di leva dovranno fornire documenti comprovanti che sono registrati presso un centro di reclutamento locale, e quindi già individuabili.

Probabilmente il disegno di legge non verrà approvato rapidamente. Si prevede che la bozza presentata subirà “un numero significativo di emendamenti”, ha detto il 16 febbraio al quotidiano ucraino Liga, Yehor Chernev, vice capo della commissione parlamentare per la sicurezza nazionale, che esaminerà la bozza.

La nuova spinta alla mobilitazione dell’Ucraina arriva mentre i media occidentali e ucraini riportano sempre più spesso del probabile licenziamento del comandante in capo ucraino Valery Zaluzhnyi. I disaccordi sulla mobilitazione potrebbero essere parte delle tensioni tra Zaluzhnyi e  Zelenskyjche ha trasferito la responsabilità dell’attuale impasse sullamobilitazione al comando militare, affermando che non gli avevano fornito una motivazione adeguata per arruolare quasi mezzo milione di nuove reclute nel 2023, anche se il generale Zaluzhnyi non ha mai detto pubblicamente quanti soldati voleva.

Nel frattempo, la Russia prevederebbe di reclutare circa 400.000 persone nel 2024,lo ha riferito il quotidiano Mosca Times,ma il Cremlino si è affrettato a smentire la notizia anche perché un nuovo arruolamento dopo i 300mila arruolati nel settembre del 2022, potrebbe nuocere all’immagine di Putin in corsa per le elezioni presidenziali.

Ma La russia nel frattempo ha provveduto a reclutare su contratto detenuti, attribuendo la cittadinanza russa ai volontari di altre nazionalità.

GiElle

aggiornamento la guerra di Putin ore 13.53

Related posts

Putin, dall’operazione speciale fallita, alla guerra totale. Biden pensa al viaggio in Ucraina

Redazione Ore 12

Zelensky: “L’assedio a Mariupol passerà alla storia per crimini di guerra”. Cittadini obbligati a trasferirsi in Russia

Redazione Ore 12

Intelligence canadese: “Russia non più in grado di riconquistare i territori riconquistati dagli ucraini”

Redazione Ore 12