Esteri

  Il Pentagono teme un rallentamento della produzione di armamenti negli Stati Uniti

 

La base industriale della difesa statunitense non ha la capacità e la velocità necessarie per soddisfare pienamente la domanda militare, lo riporta la bozza di un  rapporto del Pentagono. Lo riporta sabato la pubblicazione americana Politico.

Secondo il documento gli  Stati Uniti non sono in grado di produrre i propri armamenti abbastanza velocemente, e la discrepanza tra qualità e velocità “presenta un rischio strategico crescente” poiché Washington “ha bisogno di sostenere operazioni di combattimento attive , mentre deve contemporaneamente scoraggiare la minaccia accresciuta e tecnicamente più avanzata che incombe sul mercato. Indo-Pacifico”.

Politico riporta che ”[l’industria della difesa statunitense] non possiede la capacità, l’idoneità, la reattività o la resilienza necessarie per soddisfare l’intera gamma di esigenze di produzione militare in modo rapido e su vasta scala”.

Negli ultimi 30 anni, la Cinaè diventata un centro manifatturiero globale per navi militari, industria mineraria e microelettronica, e ora l’industria cinese“supera ampiamente la capacità non solo degli Stati Uniti, ma anche la produzione combinata dei  principali alleati europei e asiatici”si legge nel documento.

Tuttavia  gli Stati Uniti hanno il bilancio per la difesa più grande del mondo, rappresentando circa il 40% della spesa militare globale nel 2022  superando di parecchie volte la spesa militare cinese.

GiElle

Related posts

Verso la libertà dopo 50 anni l’assassino di Robert Kennedy. Solo il Governatore della California, se rieletto, può bloccare la sentenza

Redazione Ore 12

Birmania i golpisti bloccano anche l’account Twitter del Cardinale Charles Bo

Redazione Ore 12

Germania al voto tra mille indecisioni. Incerto il quadro politico che uscirà dalle urne

Redazione Ore 12